Lettera in redazione: “Importante creare un rapporto positivo tra il cane e il suo padrone”

Biondi
il particolare arredamenti
Biondi
rte
Biondi
Rosalba Cagli
edil 4

Un cane educato è un padrone felice. Purtroppo la maniera più comune di educare il cane è strattonarlo, picchiarlo o fargli annusare le sue feci. Cara redazione vi scrivo queste poche righe da Urbania dopo aver visto ieri, passeggiando, un proprietario o presunto tale, picchiare il cane al guinzaglio perché a parer suo non gli dava retta… Assurdo… Non faccio per vantarmi, ma sono esperto nel rapporto persone/animali domestici. La violenza, in tutte le azioni pedagogiche, causa paure, ansie e provoca aggressività. È importante creare un rapporto positivo tra il cane e il suo padrone affinché l’obbedienza non scaturisca dalla paura, ma dall’affetto: solo così l’educazione produrrà dei risultati. Con questo non vogliamo dire che non bisogna castigare. Se il cane ha fatto qualcosa di sbagliato, dev’essere rimproverato e punito per far sì che non lo faccia di nuovo. È possibile, comunque, castigare senza usare la violenza. Quando si comincia a lavorare sull’educazione del cane è importante che i membri della famiglia si mettano d’accordo sul linguaggio che verrà usato a tal fine e che tutti si impegnino ad usare sempre lo stesso, cioè: ad avere un linguaggio comune. Ogni ordine è associato a una, e solo a un’unica, parola. I cani non capiscono i sinonimi! Bisogna essere giusti con il cane e non punirlo senza ragione o allungare troppo la lezione se non ce n’è bisogno.

M. P.
meme
Biondi
METAURO-GOMME
Frescina
original-ceramiche
ercolani
Bella Ischia