Marche, nuova legge sulla caccia. Prosegue la partita

il particolare arredamenti
edil 4
Biondi
Rosalba Cagli
rte
Biondi
Biondi

Via libera a maggioranza (contrari M5S, Bisonni, Busilacchi, astenuta la Lega) ripristina l’esercizio venatorio nei siti della Rete Natura 2000. Annunciata una mozione di sfiducia nei confronti dell’assessore Pieroni

Via libera, a maggioranza (favorevoli 17, contrari 6, astenuti 3), alla pdl che “autorizza l’esercizio venatorio nei siti della Rete Natura 2000 secondo le modalità e condizioni indicati dal calendario venatorio vigente”. La proposta di legge è stata approvata con votazione per appello nominale richiesta dal consigliere Luca Marconi (Udc). Nel corso del dibattito sono intervenute tutte le forze politiche. La pdl, iscritta di urgenza all’odg del Consiglio è stata illustrata dal presidente dell II commissione Gino Traversini, firmatario del testo insieme all’assessore Pieroni.
Traversini ha spiegato la necessità di approvare la pdl “per non sospendere la caccia del cinghiale nelle aree Natura 2000” in attesa che si esprima il Tar delle Marche in merito al ricorso delle associazioni ambientaliste. Critico l’intervento di Marzia Malaigia (Lega Nord): “Siamo alla preistoria rispetto a certi argomenti”. E ancora: “Non ci sentiamo di essere complici – ha tuonato la consigliera- di una gestione inadeguata, andava fatto uno sforzo maggiore per mettere mano a monte a certi temi”.

Giudizio fortemente negativo anche del consigliere Bisonni (“legge incostituzionale”) che ha annunciato una mozione di sfiducia nei confronti dell’assessore alla Caccia, Moreno Pieroni. Interventi di Busilacchi (“rischio responsabilità penali e contabili con un atto irricevibile”), Zaffiri (“buonsenso dovrebbe portare a ritirare pdl”). Il presidente Ceriscioli ha ricordato le richieste del mondo agricolo per risolvere l’emergenza cinghiali. “Questa legge non verrà dichiarata incostituzionale – ha affermato convinto il governatore regionale – perché non ha le premesse di quella dell’Abruzzo”. Secondo la consigliera Leonardi (Fd’I) siamo di fronte a “ennesimo gran pasticcio” mentre per Maggi (M5S )si tratta di un “tentativo goffo e patetitico di strumentalizzare la proposta di legge con la questione cinghiali”. Il dibattito è proseguito con gli intervenuti dei pentastellati Fabbri (“vicenda che si risolverà solo con Piano faunistico regionale”) e Pergolesi (“legge che sicuramente verrà impugnata”). Sulla pdl giudizio favorevole di Marconi (Udc) che ha chiesto la votazione per appello nominale, mentre il vicepresidente Celani ha ricordato le richieste degli agricoltori parlando di “emergenza fauna selvatica”. Ha chiuso il dibattito l’assessore alla Caccia, Moreno Pieroni:”Questa sospensiva che arriva fino al 23 gennaio significava una enorme criticità”.

Consiglio regionale Marche (c.c.)
Frescina
Biondi
ercolani
Bella Ischia
meme
original-ceramiche