Intervista allo chef Daniele Persegani alla 53° Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Acqualagna

mcdonalds
Biondi
rte

Poco prima di esibirsi al Cooking-Show di Acqualagna durante la 53esima Fiera Nazionale del Tartufo Bianco, siamo riusciti ad intervistare Daniele Persegani, noto chef che da anni partecipa a numerosi programmi televisivi di successo tra cui “La prova del cuoco” e “Detto fatto” su Rai1 e “Casa Alice” su Alice TV. 

Cosa ne pensi del ruolo che Acqualagna gioca nella promozione del tartufo?
Per me Acqualagna è stata una scoperta piacevolissima e come tutte le eccellenze sono piccole. Acqualagna è un gioiellino che produce dei gioielli. Prima per scherzare ho messo un tartufo sul dito e ho detto “guarda che carati, questi sono i veri gioielli!”. E sono quelli che tutto il mondo ci invidia. Io spero che i giovani che abitano qua vada avanti con questa tradizione al di là di quello che potrebbe essere il valore economico ma proprio per mantenere viva questa eccellenza perché solo noi l’abbiamo.

Negli ultimi anni Acqualagna si sta legando sempre di più ai grandi nomi della ristorazione. Come ti senti a prendere parte ad un Cooking-Show che ha visto esibirsi tanti tuoi colleghi?
Io ci speravo perché io il tartufo lo mangerei sempre, poi se è quello di Acqualagna ancora meglio. È un’eccellenza perché non trovi solo una varietà, ce ne sono diverse e questo rende il territorio davvero speciale. La fiera è ben consolidata, essere qui fa davvero piacere.

Una ricetta per i nostri lettori?
Il tartufo è un po’ come il pesce crudo, non va lavorato tanto. Ci sono dei tartufi che vanno cotti e altri meno però, ad esempio, fare come fanno da noi i tagliolini, quelli sottili sottili con un burro molto buono e il tartufo è uno spettacolo. Io che vengo dalla bassa, dalle zone della polenta, mettere burro, parmigiano e il tartufo sulla polenta fresca fatta crema è la fine del mondo!

il particolare arredamenti
edil 4