Frontone, uomo trovato morto, la moglie in stato confusionale: arrestata con l’accusa di omicidio

Tragedia a Frontone nella mattinata di ieri. Uomo (Ugo Ascani) di 85 anni con problemi di Alzheimer è stato trovato morto steso nel suo letto in un’abitazione in via del Catria (Ca’ d’Eusepio). A fianco in evidente stato confusionale la moglie (Maddalena Agostini, 80 anni). Sul comodino una lettera a firma della stessa… “Non ce la facciamo più…. chiediamo scusa a tutti”. Questo lo scenario trovato dai vigili del fuoco di Cagli allertati dai familiari che non riuscivano a mettersi in contatto con gli anziani signori residenti a Roma che trascorrevano l’estate ai piedi del Catria, essendo originari di queste zone. In particolare la figlia ha cercato di aprire la porta della camera non riuscendovi. La prima ricostruzione fatta dai carabinieri lascia pochi dubbi: la donna (oggi ricoverata in psichiatria a Urbino, interrogata in serata) avrebbe soffocato il marito, poi avrebbe tentato il suicidio con dei barbiturici senza riuscirci. Sul posto è intervenuto il 118 chiamato dai pompieri. Il medico ha subito notato sotto la gola dell’uomo un segno rosso (forse è stato soffocato con un cavo per ricaricare un cellulare). Quindi l’arrivo dei carabinieri del comando provinciale insieme a quelli di Cagli, Pergola e Fabriano che hanno subito correlato le scritte nel biglietto con la ferita sotto la gola. Oggi come ultimo elemento per mettere la parola fine a questa triste vicenda verrà eseguita l’autopsia. I due anziani erano da qualche giorno nella loro abitazione di Frontone per trascorrere in loco Ferragosto come accadeva da diversi anni.