Mondoldo, domenica 15 luglio un cena al buio con risvolti benefici

“Immagina di trovarti in un luogo talmente buio – ha argomentato il direttore artistico Federico Sorcinelli – da non riuscire a vedere la tua mano quando provi a muoverla davanti agli occhi. Non sei abituato a tutto quel nero. Immagina di avere di fronte a te un tavolo ed accarezzarlo per scoprirne la geometria, per dare un senso ad una esperienza che non ha eguali. Immagina di non avere punti di riferimento, di essere seduto su una sedia della quale non conosci il colore, la forma e il tessuto. Puoi solo provare ad indovinare. Eppure eccoti qui disposto a fare i conti con una realtà che non conosci e che per una sera sperimenti in prima persona”. Questo ti potrà accadere domenica 15 luglio alle ore 20,30 con la “Cena al Buio” nel salone del Complesso Monumentale Sant’Agostino a cura dell’Unione Nazionale Cechi, Ipovedenti e Proloco Tre Colli di Mondolfo. Durante la particolare cena è assolutamente vietato accendere il cellulare, che potrebbe essere usato per scattare foto e quindi rendere nulla l’atmosfera, oppure potrebbe essere usato per illuminare in caso di panico. Il senso della cena al buio è abbandonarsi completamente ad una situazione nuova ed inizialmente scomoda.

Il servizio sarà effettuato da camerieri non vedenti e tutti immersi in un buio pesto da mettere i brividi.  Così all’improvviso i partecipanti si ritroveranno seduti ad un tavolo al quale non sanno come ci sono arrivati, circondati da persone delle quali non riescono a scorgere neanche un minimo tratto. Tutti si chiederanno se saranno capaci di mangiare al buio, di riconoscere i sapori, di non far cadere il bicchiere pieno di vino o cose del genere.  Si tratta di una sfida con se stessi e le parole d’ordine sono gusto, emozioni e divertimento. Sarà un ‘esperienza unica nel genere che amplificherà i sensi attraverso le sollecitazioni sensoriali che verranno proposte nella serata. E’ obbligatoria la prenotazione e l’incasso andrà a favore dell’Unione Cechi e Ipovedenti di Ancona.