Fano, chiuso laboratorio tessile cinese. Ok le autorizzazioni, ma locale non a norma

A Fano chiude attività clandestina dopo un’operazione congiunta di polizia municipale, Finanza e personale dell’Asur. Esattamente si tratta di un laboratorio di maglieria in via del Commercio non troppo distante dalla zona dell’ex zuccherificio. Nella fattispecie il laboratorio era portato avanti da una coppia di immigrati, marito e moglie, più due figli, originari della Cina. Il motivo per far chiudere i battenti è stato l’aver trasferito il laboratorio senza comunicarlo a nessuno. Prima si trovava in via dell’Industria, poi il trasferimento in via del Commercio in una struttura fatiscente anche se l’attività del laboratorio era di fatto regolare con tutte le autorizzazioni del caso. Non il luogo per ovvi motivi di sicurezza. Nell’occasione è stata richiesta l’assistenza della Finanza per verificare se fossero contraffatti i marchi degli indumenti confezionati nel laboratorio, ma l’ipotesi è stata scartata. Unico neo il locale dove si spendeva meno in affitto e dove gli utili erano dunque più alti.