Fano, il Festival del Brodetto protagonista dell’estate adriatica: un mare di pesce e novità per l’edizione 2018

Grandi nomi della cucina italiana e straniera, l’élite dell’enogastronomia italiana, un nuovo format della ristorazione: svelate le anticipazioni della XVI edizione della kermesse in programma dal 5 all’8 luglio

Il Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce di Fano sarà l’evento enogastronomico dell’estate 2018. La manifestazione, in occasione della sua XVI edizione, anticipa infatti le date di due mesi per rendere onore al più famoso dei piatti tradizionali di pesce della costa Adriatica. Dal 5 all’8 luglio, Fano e il suo lungomare Simonetti, torneranno dunque a farsi palcoscenico della cultura gastronomica internazionale e ambasciatori della tradizione marinara locale… con una lunghissima serie di novità.

A partire dall’immagine della XVI edizione, ideata da Omnia comunicazione che mostra un pomodoro per metà scorfano, tentacolari seppie come propulsori a una cipolla, un coltello usurato che lascia il segno su una tracina, un cucchiaio e un san pietro metamorfosi dei ricordi da acquolina della cucina di mare. Il Festival racconta così l’energia, l’attualità e l’immaginario di un piatto storico del territorio, capace di saldare e riproporre l’identità di un territorio. I cambiamenti proseguono poi nel format dell’evento che verrà alleggerito e reso più “smart”, nella presenza di VIP del panorama giornalistico enogastronomico italiano e di prestigiosi chef ospiti come Andy Luotto, Igles Corelli e Roberto Di Pinto che si alterneranno ai fornelli del Festival durante i cooking show serali previsti sul palco centrale.

Un confronto che verrà servito direttamente in tavola. Il format del nuovo Festival renderà omaggio al cacciucco livornese e al brudet di San Benedetto del Tronto. Sulla passeggiata del Lungomare, gli ospiti troveranno la “Casa del Brodetto alla fanese”, la “Casa del Cacciucco” e la “Casa del Brodetto alla Sambenedettese”: tre grandi ristoranti dedicati ad altrettante zuppe di pesce italiane per permettere, ai visitatori, di compiere un viaggio alla scoperta di sapori, profumi e luoghi diversi. Differenze che saranno accompagnate dal celebre e amato vino del territorio. Sarà infatti la DOC Bianchello del Metauro con le etichette del “Bianchello d’Autore“, il progetto di 9 cantine sostenuto da IMT (Istituto Marchigiano di Tutela Vini), il vino ufficiale della XVI edizione del Festival. Spazio poi a presentazioni di libri, spettacolari cene e un’area dedicata ai bambini, tutta nuova anch’essa, con giochi e laboratori dedicati alla corretta alimentazione promossi dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Il Festival sarà poi capace di trasportare oltre confine i suoi visitatori, domenica 8 luglio, durante l’esclusiva serata internazionale in cui si “daranno battaglia” tre chef, tre zuppe, tre tradizioni e tre nazioni: Italia, Albania e Spagna. A decretare il vincitore sarà una giuria tecnica qualificata composta dai più noti e competenti nomi del panorama enogastronomico italiano tra cui Paolo Marchi, giornalista e ideatore dell’evento Identità Golose; Enzo Vizzari, giornalista e direttore delle Guide dell’Espresso e Fiammetta Fadda, giornalista enogastronomico e giudice di Cuochi e Fiamme (La7).

A rendere il tutto magico e divertente sarà la conduzione di Federico Quaranta, decennale sostenitore del Festival, conduttore e autore di grandi programmi Rai: dalla storica trasmissione enogastronomica Decanter (di Radio2), a La Prova del Cuoco fino a Linea Verde (Rai1). “La zuppa di pesce – affermano da Confesercenti, ente promotore – è l’espressione più caratteristica delle città marinare italiane, in cui storia, cultura e risorse del luogo si coniugano in interpretazioni originali e diverse. Il nostro Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce rappresenta un’occasione unica per scoprire il territorio nella sua interezza e mettere