Ecco l’estate, torna il problema dell’abbandono degli animali domestici. Ma le multe sono salate!

Immagine d’archivio

L’articolo 727 del codice penale, punisce con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro chiunque abbandoni un animale domestico o che abbiano acquisito abitudini della cattività. Alla stessa pena soggiace chiunque detenga animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze. È un reato contro il quale la giurisprudenza si è mostrata sempre più sensibile, al punto che, spesso, anche la Corte di Cassazione è intervenuta per vagliare una serie di fattispecie: non solo l’abbandono su strade o autostrade, ma anche lasciare l’animale da solo in giardino o chiuso in un auto per un lungo periodo, sono casistiche valutate dalla giurisprudenza. La ratio legis di questo reato sta nell’esigenza di tutelare il sentimento di comune pietà verso gli animali affinché venga promossa l’educazione civile attraverso la lotta all’insensibilità e alla crudeltà.