Provincia sempre più trasparente nei confronti dei cittadini, ulteriori possibilità di accesso agli atti

L’amministrazione provinciale di Pesaro e Urbino è nel gruppo “pilota” per l’attuazione del progetto “RiformAttiva”. Creati un “Registro degli accessi” ed una apposita modulistica per l’accesso civico

Affollato incontro in Provincia per la “Giornata della Trasparenza”, che ha avuto lo scopo di illustrare a cittadini, associazioni e amministrazioni pubbliche il percorso intrapreso dalla Provincia di Pesaro e Urbino sui versanti dell’accesso civico e della trasparenza, con la partecipazione di esperti del Formez. La Provincia è infatti una delle ‘amministrazioni pilota’ a livello nazionale per l’attuazione della “Riforma Madia”, che mette al centro il diritto del cittadino di essere informato. Un percorso che si traduce nella possibilità per ogni cittadino di richiedere all’ente non solo atti che riguardano un suo interesse privato da tutelare o documenti che per legge devono essere resi pubblici, ma anche altre informazioni sull’attività dell’amministrazione, il tutto nel rispetto di alcuni limiti posti sempre dalla legge a tutela di terzi, tra cui il diritto alla riservatezza, la protezione dei dati personali, la libertà e segretezza della corrispondenza, interessi economici e commerciali compreso il diritto d’autore.

“Abbiamo dato al Formez la nostra disponibilità a far parte del progetto ‘RiformAttiva’ – ha detto il presidente della Provincia Daniele Tagliolini – perché la trasparenza può essere un fattore principale per creare percorsi virtuosi di semplificazione. Siamo aperti a qualsiasi sollecitazione che viene dai cittadini e nella nuova veste assunta dalla Provincia come ‘Casa dei Comuni’ possiamo assumere un ruolo di supporto anche nei confronti delle altre amministrazioni del territorio”. Il modello organizzativo e gestionale adottato è stato illustrato dal responsabile della Trasparenza per la Provincia Andrea Pacchiarotti. moderatore dell’incontro. Ai presenti sono state fornite informazioni sul “Registro degli accessi” e sulla modulistica per richiedere atti e documenti (ne ha parlato la funzionaria dell’Ufficio Affari Giuridici Francesca Piani), così come sulla disciplina regolamentare in materia di accesso (illustrata dalla funzionaria dell’Ufficio Affari Giuridici Barbara Lini). Importante ai fini della trasparenza anche il “Piano anticorruzione” di cui si è dotata la Provincia: ne ha parlato il segretario generale Rita Benini, responsabile della prevenzione della corruzione. Sul progetto “RiformAttiva” e dell’importanza del FOIA (Freedom Of Information Act) per pubbliche amministrazioni e cittadini si sono soffermati Cinzia di Fenza (referente FOIA RiformAttiva – Formez PA) ed il professor Mario Savino (Dipartimento Funzione Pubblica Formez – PA).

     Ufficio stampa Provincia - Pu (G. R.)