Fano, Noi Giovani: “Salire sul carro dei vincitori: lo stai facendo nel modo giusto”

Luca Serfilippi

Ci ha stupito la decisione del consigliere Serfilippi, ci ha stupito vedere chi per anni si era autoproclamato paladino del civismo, eterno deluso dalla politica nazionale, lasciare la sua lista e i suoi per entrare in un partito che fino a pochi mesi fa non aveva nessuna radice storica o tradizione nella nostra città. Ci ha stupito sentire proclami sul bisogno di abbandonare i campanilismi da chi fino a pochi mesi fa presentava in consiglio comunale mozioni per obbligare i giovani a rimanere a Fano. Ci ha stupito vedere chi per anni diceva di battersi per una politica giovane e per i giovani (noi gli abbiamo sempre creduto poco) fare la mossa più vecchia della politica. E nel vederlo fare tutto questo, in preda a quel nobile sentimento di correre in aiuto del vincitore di turno, notiamo come a muoverlo ci sia una totale mancanza di ideali o un programma serio e concreto, ma solo l’interesse di entrare a far parte di una realtà politica dal forte richiamo elettorale. Un giovane dovrebbe anteporre gli ideali, ed evitare di aderire ad un partito per pura moda, evitando soprattutto di tradire le persone con cui ha condiviso un percorso solo attratto da interesse personale. Ma d’altronde sembra che ormai i personalismi prevalgano sempre sugli interessi di una comunità, specie se portano ad avere una poltrona, o forse da oggi dovremmo dire “cadrega”?

Noi Giovani Fano – Lista civica
mcdonalds