“Costumi proibiti” – Novant’anni di moralismo in Italia. Andrea Maori presenta il libro a Cantiano sabato 9 giugno

Andrea Maori presenterà il suo libro che ripercorre con sagacia e intelligenza l’evoluzione dei costumi dal dopoguerra in poi

L’associazione Ara di Pontedazzo invita sabato 9 giugno 2018 alle ore 17.00 presso la sala multimediale di Cantiano alla presentazione del libro di Andrea Maori: “Costumi proibiti” Novant’anni di moralismo in Italia. Andrea Maori presenterà il suo libro che ripercorre con sagacia e intelligenza l’evoluzione dei costumi dal dopoguerra in poi. La Grande Guerra è finita e l’Italia si avvia verso una lenta e complessa evoluzione. Il Paese si sta trasformando e anche i costumi cambiano, ma in agguato c’è la censura che molto si applica nello stabilire regole relative al corpo, primo terreno di battaglia dell’attività dei moralisti. In stretto connubio con il potere politico, l’Italia clericale ha il sopravvento: si trattava dunque di stabilire cosa fosse consono o meno, quanta pelle si dovesse scoprire, quante le lunghezze accettabili. La libertà dei costumi, diventata poi sessuale, era di là da venire. Come stenta anche oggi ad affermarsi, se è vero che l’Italia è una delle poche nazioni in Europa a non disporre ancora di una normativa sulla pratica del naturismo. In questo gustoso e documentato libro, l’autore ripercorre con sagacia e intelligenza l’arduo percorso tra morale e immorale, tra lecito e illecito, tra accettato per forza e accettato per convenienze economiche. Per infine convenire che la libertà è un concetto raramente rispettato.

Andrea Maori (Perugia, 1960), saggista, collaboratore dell’Archivio audio-video di Radio Radicale si occupa da anni di storia politica del Novecento. Con il supporto costante di fonti archivistiche pubblica le sua ricerche sugli effetti del controllo di polizia sulla società italiana, in particolare minoranze politiche, religiose e sociali.