Fossombrone. Ceriscioli ha inaugurato la nuova risonanza magnetica

Il presidente della Regione Luca Ceriscioli, accompagnato dai responsabili del comparto sanità ha inaugurato ieri mattina a Fossombrone la nuova risonanza magnetica e a Macerata Feltria il centro dialisi con quattro posti letto. Per quanto riguarda l’ospedale di Fossombrone «la risonanza magnetica – è stato sottolineato – entra subito in funzione per tagliare le liste di attesa» con la garanzia che la Regione sta provvedendo anche a potenziare il personale tecnico per rendere la nuova macchina utilizzabile a ritmo continuo. «Un bel traguardo anche se con un ritardo di circa tre anni – ha sottolineato il sindaco Gabriele Bonci – ma vorrei ricordare quelli che erano gli impegni presi nel 2014 dall’allora assessore regionale Mezzolani che per la struttura di Fossombrone prevedeva l’attivazione del servizio di day surgery e di 20 posti letto di lungodegenza. Così come si conferma sempre più impellente la riattivazione del Punto di primo intervento». Su quest’ultimo punto Ceriscioli è stato chiaro: «Occorre che i parlamentari che rappresentano il territorio operino per rivedere i parametri imposti in sede nazionale. Non è cattiva volontà della Regione se il Ppi non c’è». Sulla questione dei venti posti letto di lungodegenza l’unica via da percorre resta quella della convenzione con il privato. Un’affermazione fatta non in pubblico ma in una breve intervista con il cronista. Resta in sospeso più che mai il day surgery. Certo è che Fossombrone necessita di un’azione concordata e unitaria tra tutte le forze politiche, sociali e culturali. I risultati indispensabili per la comunità si possono ottenere solo ricorrendo ad una strategia intelligente. Non certo a lamentele e critiche continue che non ottengono alcune effetto pratico.