Fano, si chiede chiarezza e trasparenza sulla discarica di Falcineto

Un’immagine di repertorio di un digestore anaerobico

I consiglieri comunali Davide Delvecchio  (UDC) – Stefano Mirisola (Forza Italia) – Marianna Magrini (Progetto Fano) – Gianluca Ilari (Progetto Fano) – Luca Serfilippi (La Tua Fano) – Lucia Tarsi (Fano Città Ideale) chiedono chiarezza e trasparenza sul digestore anaerobico o discarica a Falcineto. “Preso atto sulla questione delle dichiarazioni del presidente Reginelli alla Commissione di Garanzia e Controllo del 3 maggio ovvero che non ci sono trattative in corso, che tutto verrà fatto in trasparenza e che la finalità dell’impianto è la produzione di metano per autotrazione, visto il progetto finanziato e di proprietà di ASET Spa, del digestore anaerobico nella discarica di Monteschiantello di ettari 2,6 per una potenzialità di 15.000 T/anno, e alla luce delle notizie apparse circa la realizzazione di una non meglio definita discarica e/o digestore anaerobico a Falcineto di mq 150.000 per una potenzialità di 50.000 T/anno, vogliamo sapere dal sindaco perché state portando avanti un progetto di grande impatto ambientale senza trasparenza e senza coinvolgere i cittadini”.  E aggiungono: “Se è vero che volete realizzare il digestore anaerobico in località Falcineto di mq 150.000 per una potenzialità di 50.000 T/anno mentre il progetto era per un impianto di digestore anaerobico di ettari 2,6, per quale motivo volete realizzare tale struttura su un terreno privato, quando il Comune ha a disposizione il terreno adiacente la discarica”. E infine: “Perché su tutta la vicenda in commissione di Controllo e Garanzia si è voluto tacere mentre sempre da notizie giornalistiche sono mesi che ci sono trattative in corso”.