Donne imprenditrici, oltre 200 domande per il progetto formativo

Per 150 le imprenditrici e libere professioniste delle Marche inizia il lungo percorso previsto dal progetto formativo nato dalla collaborazione tra Commissione regionale pari opportunità, Istao (Istituto Adriano Olivetti) e Camere di Commercio marchigiane.

Meri Marziali

L’avvio ufficiale nel corso di un incontro ospitato alla “Loggia dei Mercanti” di Ancona, dove la presidente della Cpo, Meri Marziali, ha espresso soddisfazione “per le numerose adesioni registrate, oltre 200, che stanno a dimostrare la dinamicità delle donne e la loro consapevolezza che alla tradizione è ormai indispensabile coniugare nuove e più evolute strategie aziendali, per supportare il tessuto economico marchigiano nella sua ricerca di aggiornamento”. Tutto questo rivisitando gli attuali modelli di lavoro e rendendo possibile l’armonizzazione con i ritmi ed i tempi di vita familiare e personale. Il progetto, che terminerà a luglio, prevede diversi campi d’intervento con approfondimenti per quanto riguarda l’organizzazione delle imprese, il mercato, la sostenibilità economica e le nuove tecnologie. In programma seminari, visite in azienda e laboratori dislocati presso le Camere di commercio di Ancona, Macerata, Pesaro e Ascoli Piceno, insieme a Fermo, con trenta partecipanti per ogni provincia.

A sostanziare ulterirmente l’incontro di apertura due esperienze personali di lavoro, quelle di Sabina Cardinali, presidente del Comitato per l’imprenditoria femminile istituito presso la Camera di Commercio di Pesaro, e della imprenditrice e ricercatrice Alessandra Micozzi. Ulteriori interventi da parte di Adriana Celestini, Past President della Commissione pari opportunità, che ha focalizzato l’attenzione su alcune esperienze del passato, e del formatore Paolo Ragni, che ha delineato le cartteristiche del modello di business personale

Consiglio regionale Marche (A. Is)