Fano, turista veneto trova e restituisce borsa (con mille euro) a una signora di Mondolfo

Una lezione di educazione civica quella arrivata da un turista veneto che trova una borsa con dentro mille euro in contanti (e anche un assegno da 5 mila euro, non trasferibile) su una panchina in località Sassonia a Fano e la restituisce alla legittima proprietaria (una signora residente a Mondolfo ma originaria di Urbino). La stessa racconta il lieto fine della storia alla nostra redazione (ci ha detto che è assidua lettrice della nostra rivista e che ci aveva inviato una lettera, pubblicata mesi fa...). Il fatto è accaduto ieri nel tardo pomeriggio. “Voglio rendere pubblico questo grande gesto di educazione civica. Il turista in questione ha aperto la borsa, oltre al denaro c’erano i  miei documenti e il mio biglietto da visita con relativo numero di cellulare. Lui, con estremo atto di altruismo e civiltà, ha chiamato quel numero non sapendo che fosse il mio… ‘Ho fatto un tentativo  – mi ha detto prima di rivolgermi ai carabinieri‘. Ho risposto e accompagnata da mio marito, ci siamo dati appuntamento proprio in Sassonia. Nel frattempo io, rientrata a Mondolfo, ero disperata in procinto di denunciare lo smarrimento dei documenti. Ero convinta che non sarei mai tornata in possesso di quello che avevo inavvertitamente dimenticato su una panchina, ma sulla mia strada ho incontrato una persona onesta. Ho ringraziato il turista, non ha accettato alcuna ricompensa… soltanto un aperitivo in compagnia sua e della moglie e un invito a cena. Entrambi si trovano da qualche giorno in vacanza dalle nostre parti”. Un venerdì pomeriggio che la signora non dimenticherà tanto facilmente.