Cagli, azienda del tessile con 6 lavoratori su 6 in “nero”. Chiusa l’attività, oltre 20mila euro di multa

Sei lavoratori, tutti in nero. Chiusa un’azienda del tessile nel Comune di Cagli. Un laboratorio tra l’altro con gravi mancanze anche dal punto di vista della sicurezza: sanzioni per oltre 20mila euro. Operazione condotta ieri dai carabinieri di Cagli con i colleghi dell’Ispettorato del Lavoro di Pesaro/Urbino, operante all’interno dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Pesaro/Urbino, Asur di Urbino e Inail di Pesaro. Ricorrendone i presupposti di legge, ossia essendo la manodopera irregolarmente occupata nella misura pari al 100% del personale trovato intento al lavoro al momento del controllo, l’azienda ispezionata è stata destinataria del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale. Il titolare dell’azienda si è reso peraltro responsabile di gravi violazioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, e nello specifico per non aver rispettato nessuna delle norme obbligatorie e previste dalla normativa vigente. Il laboratorio tessile così è stato messo sotto sequestro.