Regione Marche, assunzioni indebite. Denunciati dalla Finanza 53 dirigenti

Abuso d’ufficio per aver permesso l’assunzione in Regione Marche a tempo indeterminato di 776 persone, stabilizzando personale, violando la norma costituzionale che prevede l’ingresso nella pubblica amministrazione per concorso. E’ l’accusa per cui la Gdf di Macerata, coordinata dalla Procura di Ancona, ha denunciato 53 dirigenti della Regione, individuando una spesa di oltre 121 milioni di euro. Secondo la Gdf le stabilizzazioni riguardano il settore sanità e risalgono ad un periodo compreso tra il 2008 e il 2013. Le risultanze dell’indagine ‘Easy Job’ sono state segnalate anche alla Procura regionale della Corte dei Conti per un eventuale danno erariale. Denunciati anche 12 dei dipendenti stabilizzati. Per l’Azienda Sanitaria Unica Regionale, a cui apparterrebbero alcuni dei funzionari indagati, “dalle prime informazione sembra che l’indagine riguardi fatti risalenti a circa dieci anni fa”. L’Azienda Sanitaria Unica Regionale, a cui appartengono alcuni funzionari indagati, attiverà una verifica autonoma.