Il Centro Salute Art. 32 Onlus potenzia i suoi suoi servizi di medicina sociale

Il saluto delle autorità

Il Centro Salute Art. 32 Onlus ha inaugurato, di fronte al pubblico delle migliori occasioni, il nuovo comparto della riabilitazione e prevenzione alla presenza del suo presidente Alfredo Sadori, del consigliere regionale Federico Talé, dei sindaci di Montefelcino Ferdinando Marchetti e di Terre Roveresche Antonio Sebastianelli, del presidente della Bcc del Metauro Bruno Fiorelli e della Fondazione Caritas della diocesi di Fano Angiolo Farneti.  <<Nata quattro anni fa, grazie alla visione di quarantacinque soci fondatori che si prefiggevano di mantenere e integrare i servizi socio sanitari nella media valle del Metauro – ha ricordato Sadori – la Cooperativa sociale Art32 ha fatto passi da gigante e si propone ora come importante soggetto nel settore socio sanitario. I soci, semplici cittadini animati dallo spirito mutualistico, sono diventati attualmente 133 e continuano a crescere nel costruire questo nuovo modello di sanità sociale. Art32 Onlus, offre a tutti i cittadini gratuitamente una serie di servizi importanti per la comunità. Sempre gratuitamente, con l’aiuto del Comune di Terre Roveresche sono stati aperti, presso i Municipi di Piagge e Orciano di Pesaro, due sportelli di ascolto e consulenza socio sanitaria. Il Centro Salute di Ponte degli Alberi mette a disposizione giornalmente un servizio infermieristico per piccole medicazioni, iniezioni, misurazione della pressione. Tutti possono accedervi senza prenotazione e senza dovere nessun compenso per le prestazioni. ANMIC assiste coloro che sono interessati a pratiche per l’invalidità civile, Legge 104, certificazioni Isee>>. All’insegna della mutualità <<un supporto fondamentale è stato dato dalla Bcc del Metauro che ha creduto nel nostro progetto animata sua volta dai nostri stessi principi di socialità>>.  Dieci mila le prestazioni erogate nel 2017. 500 le persone che hanno avuto accesso gratuito date le loro gravi condizioni economiche. Le prestazioni specialistiche, diagnostiche e rieducazione funzionale sono state possibili grazie all’apposito fondo di solidarietà, finanziato con i proventi dell’attività socio sanitaria e con donazioni liberali. I cittadini interessanti sono quelli residenti nei Comuni di Terre Roveresche, Montefelcino, Fossombrone, Colli al Metauro, Sant’Ippolito, Mondavio e Isola del Piano. Tutti gli introiti vengono reinvestisti. Un vanto del quale tutti i soci e sostenitori vanno orgogliosi.

mcdonalds