Pergola, la Giunta Baldelli sottrae dall’isolamento i cittadini di Montevecchio

Il sopralluogo del sindaco di Pergola, assessori e tecnici

La Giunta Baldelli sottrae dall’isolamento in cui erano costretti i cittadini di Montevecchio dopo il crollo della strada provinciale 94 Monterolo-Barbanti. Lavori eseguiti dal Comune con propri mezzi e risorse. La soddisfazione di Antonio Baldelli: “Ieri la nostra amminsitrazione comunale ha aperto la viabilità alternativa per i residenti della frazione di Montevecchio rimasta isolata, insieme ad altre località di campagna, dopo il crollo della strada provinciale 94 ‘Monterolo-Barbanti’. Già nei giorni scorsi avevamo assicurato una viabilità alternativa anche alla frazione di Cartoceto, rimasta isolata a causa del crollo dell’altra strada provinciale 40 ‘Barbanti’. Abbiamo mantenuto un’altra promessa e, ieri, abbiamo sottratto dall’isolamento anche i nostri concittadini di Montevecchio. Abbiamo restituito loro un collegamento viario diretto col capoluogo, le scuole, l’ospedale. Pensate che, dopo il crollo delle provinciali, un residente di Montevecchio doveva allungare di oltre 30 chilometri il percorso di andata e ritorno dalla frazione a Pergola.La situazione era insostenibile e per questo ci siamo sostituiti alla Provincia e da soli, utilizzando nostri mezzi e nostre risorse economiche, abbiamo assicurato una viabilità alternativa alle provinciali. Proprio in queste ore abbiamo completato i lavori di rimozione della frana e le opere di straordinaria manutenzione sulla strada comunale Castelrotto. Dopo tanti disagi, i concittadini di Montevecchio possono quindi finalmente raggiungere Pergola senza dover percorrere decine di chilometri in più! La strada Castelrotto non può però reggere il traffico della provinciale ‘Monterolo’ e la polizia municipale, su indicazione dell’ufficio tecnico comunale che ne ha certificato le condizioni di transitabilità, ha emesso ordinanza con cui limita il traffico ai soli residenti e ai mezzi di massa non superiore a 35 quintali, a tutti gli automezzi dei servizi comunali, dei servizi pubblici indispensabili e del soccorso. Bisognerà rispettare anche la velocità di 30 km orari. Tutto ciò è stato fatto nel massimo spirito collaborativo con provincia e regione. Ci aspettiamo dunque dalla Provincia e dalla regione il medesimo impegno, visto che i fondi sinora stanziati sono del tutto insufficienti al recupero delle strade provinciali crollate. Peraltro, fatto preoccupante, non si hanno notizie sui necessari fondi per riaprire la Sp Monterolo-Montevecchio”.