Marotta, per la bomba in mare in arrivo i subacquei per identificarla. Poi verrà fatta esplodere

Per la bomba ritrovata e rigettata in mare dal personale del peschereccio di Senigallia (Jamaica) mentre era intento nella propria attività al largo di Marotta (circa 5 miglia), sono in arrivo i subacquei della marina militare per identifcarla e quindi farla esplodere. E’ un ordigno (seconda guerra mondiale) similare a quello ritrovato un mese fa in Sassonia. Non ci sono particolari preoccupazioni in quanto si trova a distanza di sicurezza, in altre parole non c’è bisogno di nessuna evacuazione. Intanto la Capitaneria di Porto di Pesaro con l’Ufficio circondariale Marittimo di Fano, stanno gestendo le operazioni di sicurezza in questo tratto di mare.