Bando Por Fesr, contributi a fondo perduto per le Pmi del comparto “legno arredo”: obiettivo promuovere l’internazionalizzazione e accrescere le capacità manageriali verso l’export

Contributi a fondo perduto per promuovere l’internazionalizzazione e accrescere le capacità manageriali verso l’export delle piccole e medie imprese marchigiane del comparto “legno arredo”. Vengono concessi da un bando Por Fesr, con scadenza 6 giugno 2018, concertato con la Cabina di regia costituita a seguito dell’accordo tra Regione Marche, Federlegno Arredo e Confindustria Marche. Siglata nel 2016, l’intesa promuove il rinnovamento del distretto “Legno Arredo”. Le imprese interessate a partecipare al bando, finanziato con 1,4 milioni di euro, dovranno presentare progetti di internazionalizzazione che saranno sostenuti con un contributo massimo di 40 mila euro. Gli interventi ammessi fanno parte di un pacchetto di azioni sperimentali, indicate dal bando, che si articolano attraverso due linee sinergiche: l’apertura ai nuovi mercati, lo sviluppo di una cultura dell’innovazione di prodotto e commerciale. Le aziende selezionate beneficeranno di un percorso comune di accesso ai mercati internazionali (missioni imprenditoriali B2B e incoming sul territorio marchigiano) e di un sostegno al proprio progetto strategico (in sinergia con le altre per potenziare il livello di competitività del settore). Gli obiettivi da conseguire riguardano lo sviluppo e la sperimentazione di una strategia di approccio ai mercati internazionali, di promozione aziendale, di innovazione e certificazione del prodotto. “La Regione Marche rivolge un’attenzione particolare alle politiche di internazionalizzazione per accrescere l’export delle piccole e medie imprese locali – afferma l’assessora alle Attività produttive, Manuela Bora – In particolare, il comparto Legno Arredo sta subendo una forte crisi generalizzata che sta pesantemente colpendo tutto il comparto nazionale. È necessario definire, in modo condiviso, linee, indirizzi e azioni che aiutino tutto il sistema dell’abitare a esprimere una capacità produttiva innovativa per acquisire nuove quote di mercato e contribuire alla crescita economica della Regione. Il nuovo bando si muove in questa direzione”.

Comunicato stampa Regione Marche