L’Appennino: riflessioni su una terra a cui tutti apparteniamo: alle 16,30 del 12 aprile alla Data di Urbino

L’Appennino: riflessioni su una terra a cui tutti apparteniamo: alle 16,30 del 12 aprile alla Data di Urbino l’incontro curato dal Desp. Sembra sempre più difficile riuscire a parlare di zone appenniniche senza porsi la questione della loro fragilità. Il profondo mutamento delle aree interne italiane è una storia lunga e tortuosa, spesso dominata dall’immagine del declino, dall’abbandono dei territori rurali, dalla perdita di popolazione e dal suo invecchiamento. Guardare oggi all’Appennino significa interrogarsi su questi cambiamenti e riflettere sui percorsi di sviluppo che possono accompagnarne la rinascita. Prefigurare percorsi di ripresa è però una sfida complessa che si scontra con le tendenze socio-economiche, la frammentazione territoriale, la marginalità e le conseguenze del sisma. A questo quadro di difficoltà, talvolta preoccupante, si contrappone un forte senso di appartenenza, in grado di stimolare nuove esperienze di valorizzazione delle risorse locali. Un segnale positivo, fatto di giovani “resistenti” che decidono di rimanere. Un “atto d’amore”, come lo definisce Paolo Piacentini, che si affianca allo sforzo istituzionale di garantire possibilità di sviluppo e alla necessità di nuove politiche di coesione territoriale. L’incontro si propone come un momento di riflessione attorno alle tematiche proposte. L’obiettivo è quello di promuovere un confronto aperto che veda la partecipazione di ricercatori, realtà associazionistiche, singoli cittadini e studenti universitari.

Programma

1) Proiezione del documentario “La lunga marcia nelle terre mutate” a cura di Movimento Tellurico: un intenso racconto della camminata collettiva che nell’estate 2017 ha attraversato il cratere del sisma da Fabriano a L’Aquila.

2) Presentazione del libro “Appennino atto d’amore. La montagna a cui tutti apparteniamo” di Paolo Piacentini (Presidente Federtrek e funzionario Mibact, già docente di organizzazione del territorio montano presso l’Università di Roma La Sapienza e presidente del parco regionale dei monti Lucretili). Ne discutono con l’autore: Roberto Cioppi (Vicesindaco, Comune di Urbino), Eduardo Barberis (DESP, Università di Urbino Carlo Bo), Elisa Lello (DESP, Università di Urbino Carlo Bo),  Rosanna Castorina (DESP, Università di Urbino Carlo Bo), Nico Bazzoli (DESP, Università di Urbino Carlo Bo). Segue dibattito aperto con il pubblico.

Uniurb