Il sindaco Alessandri: “A Cagli nuova palestra e sintetico per il calcio”

Bando con  fondi per gli impianti. Il Comune non partecipa: polemiche. Ma Alessandri annuncia due novità

È la continua dicotomia apparire-essere a dividere le scelte giuste da quelle sbagliate, con la doverosa precisazione che è il tempo il giudice supremo ad emettere ogni tipo di sentenza.
Quella che per tutti sembra l’ovvia scorciatoia, per Alberto Alessandri sindaco di Cagli è una strada che non prevede una fine ed è più lunga e tortuosa di quanto sembra a molti: “I soldi piovuti dal cielo sono sempre derivanti dal sacrificio dei cittadini. Riuscire a fare investimenti attraverso abbattimento di costi o ottimizzazioni di risorse sono secondo noi le strade giuste da percorrere”. In sintesi è questa la risposta del primo cittadino di Cagli alle tante lamentele dei cittadini per la mancata richiesta di accedere al bando per i fondi da destinare all’installazione o modifica di impianti sportivi. Insieme a queste parole, giustificazioni per gli scettici, spiegazioni per gli interessati, il sindaco illustra la strategia adottata, una strada che in pochi conoscevano:

“Non siamo degli sprovveduti. Abbiamo fatto una scelta, spero e penso sia quella migliore per Cagli. Non abbiamo partecipato a questo bando sullo sport poiché avevamo già intrapreso altre strade per cercare di dare maggior offerta agli sportivi cagliesi e non”. Cagli ha altre priorità, ma non trascura assolutamente l’aspetto sportivo. Questa è la promessa di Alessandri: “Grazie alla  programmazione voluta dal presidente della provincia Daniele Tagliolini, a breve, con il realizzarsi di un’entrata straordinaria nelle casse della provincia stessa, si procederà alla realizzazione di una palestra presso l’istituto G. Celli (di proprietà appunto della provincia). Così facendo si abbatterà il costo del trasporto scolastico sostenuto dalla provincia di circa 20.000 euro annui e si libererà al mattino lo spazio presso la palestra piscina Panichi Pieretti che potrà essere fruita dai ragazzi delle scuole medie”. A quale scopo? “L’urgenza maggiore è per il calcetto: in questo modo spostiamo studenti e giocatori di calcio a 5 nella nuova palestra e alleggeriamo il peso della Panichi Pieretti. Abbiamo intenzione di riqualificare quest’ultima, come abbiamo già fatto attraverso interventi mirati alla piscina. Stesso discorso per il bocciodromo, che vogliamo continuare a migliorare”. Il sindaco non scontenta nessuno e lascia il piatto forte per la fine, come fosse un dessert da gustare per tutta la giornata, anche lontano da tavola: “Avremo a disposizione un budget di tutto rispetto: grazie alla vendita di quote societarie entreranno nelle casse comunali circa 320.000 euro. Questa cifra verrà interamente dedicata alla realizzazione del sintetico. Abbiamo già in mano il progetto”.
Nessuna campagna elettorale, tante promesse e altrettante speranze: questa la risposta del primo cittadino di Cagli alle tante polemiche. La strada verso palestra e sintetico è tracciata: fiducia come compagna di viaggio, speranza come benzina.