Pesaro, la Guardia Costiera sequestra due tonni da 40 kg: prodotto non tracciabile e pesca chiusa. Multa da 11.500 euro

Un team di pescatori stava per caricare su un furgone, per poi immetterli sul mercato, due tonni di circa 40 chili pescati fuori dal periodo consentito dalla legge. Il fatto lungo il fiume Foglia. Ma  gli uomini della Guardia Costiera di Pesaro hanno bloccato il tutto: sul groppone dei pescatori abusivi diverse violazioni tra cui prodotto non tracciabile, mancato rispetto della disciplina che regola la pesca sportiva oltre al periodo non previsto per operazioni di pesca. E alla fine è stata appioppata loro una multa di 11.500 euro. Nell’operazione sequestrati anche sei canne da pesca e attrezzi vari. Un veterinario dell’Ausl ha attestato che il pesce non era idoneo al consumo: così verrà distrutto.