Cantiano, l’omaggio della Turba al Coro della Madonna del Miserere di Gubbio

Cantiano sta vivendo gli ultimi momenti della vigilia della Turba in calendario il 30 marzo, Venerdì santo. Prove in corso per soldati e personaggi da qualche giorno sullo sfondo delle suggestive scenografie in piazza Luceoli e al parco della Rimembranza ormai famose in tutta Europa essendo la secolare rappresentazione all’interno del circuito di Europassion da diversi anni. Ma prima degli ultimi aggiustamenti, un altro motivo per ricordare questo anno, il 2018, (oltre agli 80 anni della Turba “moderna”) è il stato trentesimo anniversario di presenza a Cantiano di uno dei cori del Miserere di Gubbio; dalla fine degli anni ’80 i cantori si esibiscono il venerdì che precede la settimana santa (quest’anno è toccato il 23 marzo), in un suggestivo percorso fra le chiese del paese arricchito dalla processione del Crocifisso dalla chiesa Collegiata a quella di Sant’Ubaldo. Per questo motivo l’associazione culturale Turba ha omaggiato il Coro della Madonna (del Miserere) a sancire il forte legame con Gubbio e la diocesi. E ora le attenzioni si spostano alla Turba con un occhio rivolto al meteo che prevede (al momento) un deciso rialzo termico della temperatura nella giornata di venerdì (verso le ore 20 vengono preventivati 14 gradi) e minime possibilità di precipitazioni.