E se l’Europa va giù? Rischi geopolitici ed economici di un’Europa debole: domani incontro a Fano

E se l’Europa va giù? Rischi geopolitici ed economici di un’Europa debole. Conversazione con Massimiliano Di Pasquale e Michele Governatori. Giovedì 1° marzo, alle ore 18.00, al Caffè del Pasticciere (Viale Costituzione, 8) a Fano si terrà un incontro con due dei candidati alla Camera della lista +EUROPA CON EMMA BONINO: il capolista delle Marche Sud alla Camera Michele Governatori e Massimiliano Di Pasquale, candidato alla Camera nel collegio Marche Nord. Si parlerà del programma di +Europa, anche immaginando le conseguenze di un mondo con *meno* Europa. Tutti i colleghi della stampa, e gli altri interessati, sono caldamente invitati a partecipare: l’incontro è aperto a tutti. Già un bocconiano da solo rompe. Immaginate di averne due nello stesso bar:

Michele Governatori – Nato a Mondavio 45 anni fa, dopo il liceo “G. Torelli” di Fano ha studiato economia politica alla Bocconi di Milano e alla Erasmus Univeristeit di Rotterdam, per poi specializzarsi presso la scuola superiore Enrico Mattei dell’ENI in economia applicata a energia e ambiente. Da allora si occupa di questi temi per lavoro (da qualche anno anche con “Derrick” su Radio Radicale e sull’omonimo blog) e ne ha scritto nell’ultimo dei suoi romanzi (Carbonio, ed. Terre di mezzo, Milano). È membro della direzione di Radicali Italiani. Massimiliano Di Pasquale è nato a Pesaro nel 1969. Dopo la maturità scientifica ha studiato Economia Aziendale all’Università Bocconi di Milano dove si è laureato con una tesi in business history sull’impresa motociclistica Benelli. Alla fine degli anni Novanta si è trasferito a Londra dove ha lavorato per imprese di consulenza come Frost & Sullivan, Trend Consulting, KAE Consulting. A metà degli anni 2000 è tornato in Italia e ha affiancato all’attività di libero professionista quella di giornalista e scrittore freelance occupandosi in particolare di geopolitica dei Paesi ex socialisti. Membro dell’AISU (Associazione Italiana di Studi Ucraini) e del BBS (Sezione di Studi Baltici dell’Università di Milano), nel 2012 ha pubblicato “Ucraina terra di confine”, caso editoriale che ha fatto conoscere l’Ucraina al grande pubblico italiano. Da sempre convinto europeista, nel febbraio 2017 aderisce al neonato progetto di Benedetto Della Vedova, Forza Europa. Laico, liberale, libertario ha deciso di offrire il suo contributo alla lista +Europa con Emma Bonino per sconfiggere le forze anti-europeiste e sovraniste che minacciano la stabilità del nostro Paese e l’unità politica del continente europeo.

Nota stampa