Il geoparco non dimentica l’antica Forum Sempronii

Scavi archeologici a Forum Sempronii

Anche Fossombrone entra a far parte del geoparco Unesco “Appennino nord marchigiano” insieme ad altri 18 Comuni limitrofi. Il geoparco, che se riconosciuto entrerà a far parte del circuito internazionale dell’UNESCO, interessa i Monti Catria, Nerone, Strega, Alpe della Luna, comprendendo la Gola del Furlo e le Cesane. <<Per il comune di Fossombrone sarà l’occasione per valorizzare importanti porzioni del proprio territorio con percorsi geo-turistici da predisporre lungo itinerari di rara bellezza presenti all’interno delle Cesane e della Gola del Furlo>>, dichiara l’assessore Rolando Cornettone. <<Inoltre – prosegue il sindaco Gabriele Bonci – potranno essere valorizzate altre evidenze naturalistiche ed archeologiche come le marmitte dei Giganti e gli scavi di Forum Sempronii>>. L’iniziativa è stata illustrata in un incontro pubblico nel quale il professore dell’ateneo urbinate Rodolfo Coccioni (ordinario di Paleontologia) ed il dott. Andrea Mazzoli hanno indicato le caratteristiche principali che costituiscono il geoparco, riconducibili all’assenza di vincoli aggiuntivi territoriali ed urbanistici, a fronte di una forte spinta promozionale delle bellezze naturali dei luoghi (oltre 70 già individuati) e delle tipicità artistiche, archeologiche ed anche eno-gastronomiche. L’adesione al geoparco, caldeggiata anche dal consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Piergiorgio Fabbri, si inserisce all’interno della concezione di tutela e valorizzazione dell’ambiente e del territorio.