Groundhog Day: la marmotta meteorologica

La lettura del responso meteorologico

Paese che vai, tradizioni che trovi. A Urbania le cipolle che, lasciate fuori la notte del 25 gennaio, predicono il tempo per tutto l’anno. Negli Stati Uniti, la marmotta. Una tradizione singolare che si ripete ogni 2 febbraio dal 1887. In questa occasione migliaia di persone si riuniscono a Punxsutawney, in Pennsylvania, per assistere alle previsioni meteorologiche della marmotta più famosa del Paese.

La marmotta Phil, da poco svegliata dal suo letargo

Durante il Groundhog Day (il giorno della marmotta) il comitato ufficiale della marmotta sveglia l’animale dal suo letargo. Se Phil, questo è il suo nome, emerge dalla sua tana per trovare il tempo nuvoloso, la seconda parte dell’inverno sarà mite. Se invece vede la sua ombra e rientra subito nella sua tana, l’inverno durerà per altre sei settimane.

La diretta streaming dell’evento

La tradizione, che ha origini europee e cristiane, venne importata negli Stati Uniti da una comunità tedesca. Si pensava che il 2 febbraio, festività della Candelora, a metà tra il giorno più breve dell’inverno e il solstizio di primavera, una giornata di sole significasse brutto tempo e una di pioggia e nubi fosse foriera di primavera anticipata. Una tradizione ancora viva nel detto nostrano “Quand la Candelora è solèta, 40 giorne d’invernèta.”

Per quest’anno pare che il freddo continuerà, sia in Pennsylvania sia ad Urbania. Phil è uscita dalla sua tana, ha visto la sua ombra e ha decretato che l’inverno durerà altre sei settimane. In linea con le cipolle di Urbania che hanno previsto un febbraio con freddo intenso e neve seguito da un marzo piovoso. E anche in accordo con i proverbi locali della Candelora. Per gli scettici, restano sempre i satelliti meteo disponibili ovunque online.