Carabinieri, le stazioni di Saltara e San Giorgio di Pesaro assumono le denominazioni di “Colli al Metauro” e “Terre Roveresche”.

I carabinieri adeguano il dispositivo territoriale alle nuove realtà amministrative della provincia di Pesaro Urbino

Cambio di denominazione per due presidi dell’Arma Pesarese. Dal primo febbraio 2018 la stazione carabinieri di “Saltara” assumerà la denominazione di “Colli al Metauro” mentre quella di “San Giorgio di Pesaro” di “Terre Roveresche”. Il provvedimento ordinativo del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri adegua i nuovi presidi territoriali alla delibera dell’Assemblea Legislativa della Regione Marche che dal 1° gennaio 2017 aveva istituito i nuovi comuni di Colli al Metauro (per fusione di quelli di Saltara, Serrungarina e Montemaggiore al Metauro) e di Terre Roveresche (per fusione di quelli di San Giorgio di Pesaro, Piagge, Barchi ed Orciano di Pesaro). Per le due nuove stazioni dell’Arma resteranno invariate le sedi delle caserme e le utenze telefoniche. Per accrescere la prossimità ai cittadini residenti nei nuovi comuni, sono state invece rimodulate le competenze territoriali. La neo stazione carabinieri di “Colli al Metauro” avrà competenza territoriale sul comune di Cartoceto e sugli ex comuni di Saltara e Serrungarina mentre acquisirà il territorio dell’ex comune di Montemaggiore al Metauro (quest’ultimo già di competenza della stazione carabinieri di “San Giorgio di Pesaro”). La neo stazione carabinieri di “Terre Roveresche” avrà competenza territoriale sugli ex comuni di San Giorgio di Pesaro e Piagge nonché sugli ex comuni di Barchi ed Orciano di Pesaro e sulla frazione Cavallara (enclave del comune di Mondavio) – già di competenza territoriale della stazione carabinieri di “Mondavio”, alla quale rimane la competenza sulla residuale estensione territoriale del comune di Mondavio

mcdonalds