Mei (Udc): “Pozzo Burano, no ai prelievi. Ogni decisione presa senza coinvolgimento”

Si susseguono i commenti e le reazioni dopo l’annuncio dei nuovi lavori ai pozzi di San Lazzaro e Burano; pubblichiamo una nota inviata dal presidente provinciale Udc, Marcello Mei. “Nei mesi scorsi avevamo messo in guardia dalla possibilità di emungimenti di acqua dalle falde profonde – afferma Mei – dopo aver  letto un articolo nel quale si parlava della necessità di mettere in sicurezza il pozzo Burano il quale non sarebbe stato in grado di reggere una forte  pressione e  mentre negli stessi giorni si stavano effettuando dei  lavori di raddoppio delle tubature nella zona di Cagli. La notizia riportata dalla stampa di un finanziamento per  mettere in sicurezza la testa di ponte del pozzo Burano per consentire  uno sfruttamento delle risorse idriche in caso di siccità dà pienamente ragione alla nostra tesi che era stata confutata all’epoca. Quella che veniva indicata come una eventualità diventa una certezza così come ormai è una certezza il fatto che quelli che dovrebbero essere i  rappresentanti del popolo agiscono in modo tale da non dire mai con chiarezza quali siano i loro intendimenti e progetti cercando di far passare tempo, far trovare situazioni ormai assodate, elucubrando di chissà quali miglioramenti e potenziamento di servizi, ma alla fine operando senza alcun coinvolgimento della popolazione e delle amministrazioni locali”.

Mario Carnali