Cantiano, sabato 27 l’inaugurazione del taxi sociale. Dalla parte dei più deboli

Il grazie dell’amministrazione comunale a Fondazione Cassa di Risparmio e associazione “Ilaria Giacomini”

Sabato 27 gennaio parte ufficialmente il servizio di taxi sociale nel territorio di Cantiano con inaugurazione presso il palazzo comunale a partire dalle ore 11. Le parole dell’amministrazione comunale. “Mesi fa abbiamo redatto un progetto relativamente a questo servizio, progetto che la Fondazione Cassa di Risparmio ha premiato con un cospicuo ancorché parziale finanziamento”. Il progetto ben illustra le finalità: “Vogliamo dare una risposta alle esigenze di mobilità delle fasce più deboli. Tenuto conto di servizi sanitari sempre più ridotti, di difficili condizioni viarie e della cospicua presenza di una popolazione anziana, il Comune intende offrire un servizio per colmare le distanze e garantire il superamento delle difficoltà nell’accesso ai tradizionali mezzi di trasporto pubblico (non sempre disponibili). Il servizio di taxi sociale consiste nel mettere a disposizione il mezzo di trasporto di proprietà comunale effettuando viaggi individuali o collettivi per recarsi a destinazione nel raggio massimo di 250 km dal punto di partenza (Cantiano): strutture sanitarie pubbliche, presidi medico-specialistici privati per  effettuare visite mediche generiche o specialistiche, esami clinici eccetera”. Condizioni per accedere al servizio sono la residenza nel Comune, condizioni fisiche di autosufficienza o parziale autosufficienza, purché comunque non affetti da patologie che impediscano la deambulazione. Il servizio, infatti, è di tipo sociale, non sanitario. Oltre alla Fondazione Cassa di Risparmio c’è un’altra componente che l’amministrazione comunale ringrazia per il progetto in questione: “Ci fa davvero piacere sottolineare come al finanziamento del progetto abbia contribuito, in modo decisivo con una quota di ben 4.000 euro, l’associazione Ilaria Giacomini che con questo gesto di assoluta rilevanza sociale e solidaristica riafferma  il proprio ruolo di faro negli interventi rivolti al bene della Comunità, nonché un radicamento ed una presenza che ne fanno ormai un elemento imprescindibile nelle vicende della nostra comunità: a loro, che ci sono sempre quando conta, con umiltà, passione, competenza, va l’enorme plauso di tutti”.