Pesaro, martedì la presentazione del volume di Gorgolini: “Le migrazioni forzate nell’Italia del XX secolo”

Per la serie “Pesaro Storie”, proposta dalla Società pesarese di studi storici in collaborazione con il Comune di Pesaro e con il liceo “T. Mamiani”, martedì 16 gennaio 2018 alle ore 17,30 nella sala riunioni (g.c.) di Confindustria Pesaro e Urbino (palazzo Ciacchi – via Cattaneo, 34 – Pesaro) viene presentato il volume curato da Luca Gorgolini “Le migrazioni forzate nell’Italia del XX secolo” –  (Il Mulino 2017, pp. 260). Questo miscellaneo affronta i movimenti migratori forzati – alcuni piuttosto assenti nella memoria nazionale – che hanno riguardato cittadini italiani, dentro e fuori dei confini. Il volume propone infatti nove saggi che vanno dal caso dei profughi trentini durante la Grande guerra a quello dei profughi italiani ospitati a San Marino nel 1944, passando per il dramma dei profughi giuliano-dalmati, per quello dei profughi friulani e veneti dopo Caporetto, senza peraltro dimenticare i movimenti migratori indotti dal colonialismo, gli spostamenti di popolazione causati dalla guerra aerea nel secondo conflitto mondiale, il problema dell’assistenza ai profughi e rifugiati presenti in Italia nel dopoguerra, l’esodo dalla Libia ai tempi di Gheddafi nel 1969, fino a delineare lo sviluppo normativo del diritto d’asilo in Italia.

Luca Gorgolini  è ricercatore presso il Dipartimento di storia dell’Università degli studi della Repubblica di San Marino, ed è inoltre docente a contratto di Storia contemporanea all’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. Tra le sua pubblicazioni ricordiamo Emozioni di guerra. Le Marche di fronte ai grandi conflitti del Novecento (2008); L’Italia in movimento. Storia sociale degli anni Cinquanta (2013); I dannati dell’Asinara. L’odissea dei prigionieri austro-ungarici nella Prima guerra mondiale (2011, tradotto in tedesco e in serbo); Il piano del lavoro (1949-1950) e l’Italia della ricostruzione. Dal contesto nazionale al caso pesarese (2016, con Andrea Girometti); Gli archivi di persona nell’era digitale. Il caso dell’archivio di Massimo Vannucci (2016, curato con Stefano Allegrezza), e recentemente Superare Caporetto. L’esercito e gli italiani nella svolta del 1917 (2017, curato con Fabio Montella e Alberto Preti).

 

 

 

mcdonalds