Posti letto ospedalieri, l’ok della Commissione Sanità: 140 letti in più, 80 all’Area vasta 1. Critici i Grillini

Ok della Commissione Sanità a ridefinizione posti letto ospedalieri. Parere favorevole a maggioranza allo schema di delibera predisposto dalla Giunta. A disposizione 140 letti in più, 90 per le patologie acute e 50 per le situazioni post-acute

Parere favorevole, a larga maggioranza, da parte della Commissione “Sanità” allo schema di delibera della Giunta regionale che ridefinisce la dotazione dei posti letto della rete ospedaliera marchigiana e dà mandato all’Asur di predisporre una proposta di allocazione dei posti letto aggiuntivi, in tutto 140. In particolare, l’atto fotografa la situazione attuale nelle cinque Aree vaste e, in base alle indicazioni contenute nel decreto ministeriale 70/2015, rimodula l’offerta di posti letto ospedalieri nel rispetto del numero massimo pari al 3,7 per mille della popolazione “pesata” tenendo conto dell’anzianità. Tra i parametri presi in considerazione per il calcolo anche il saldo di mobilità attiva e passiva riferito al flusso dei ricoveri di ciascuna regione. Nel complesso, con la delibera vengono assegnati 90 nuovi posti letto per patologie acute e 50 per le situazioni post-acute. Resta invariata la dotazione nell’Area vasta 5, mentre dei complessivi 140 posti letto, 80 vengono assegnati all’Area vasta 1, 20 all’Area vasta 2, 10 all’Area vasta 3 e 30 all’Area vasta 4.

“L’obiettivo – ha spiegato il presidente della commissione, Fabrizio Volpini (Pd), relatore di maggioranza del parere – è stato quello di garantire più equità nella distribuzione sul territorio regionale e assicurare un maggiore livello di soddisfazione ai cittadini. L’allocazione dei posti letto aggiuntivi consente, inoltre, di ottimizzare l’implementazione di percorsi diagnostico-terapeutico-assistenziali già deliberati o in fase di realizzazione di promuovere strategie per il recupero della mobilità passiva.

Critico il giudizio della relatrice di opposizione, Romina Pergolesi (M5s), che al momento del voto si è espressa contro. “In assenza di un Piano socio sanitario la Giunta demanda nuovamente all’Asur – ha affermato – la discrezionalità della redistribuzione dei posti letto della rete ospedaliera marchigiana e i consiglieri della IV commissione, con mia profonda amarezza, hanno rinunciato al proprio ruolo di indirizzo politico negando tale possibilità anche ai sindaci della conferenza di Area Vasta come da me proposto con una raccomandazione che è stata respinta”.
Nota Consiglio regionale Marche (C. C.)