Animali da affezione e prevenzione del randagisno, le nuove misure varate dal Consiglio regionale

Sono state accolte a maggioranza dal Consiglio regionale (contrari i consiglieri Gianluca Busilacchi, Misto-Mdp, e Sandro Bisonni, Misto) le proposte di modifica alla legge regionale sugli animali da affezione e prevenzione del randagismo. Punto centrale, la previsione di uno specifico protocollo, in accordo tra Giunta regionale, sentiti Comuni, Unione montane, Asur e la collaborazione delle associazioni di protezione animale, per favorire l’adozione dei cani ospitati nei canili. Viene, inoltre, introdotto il registro regionale degli allevatori amatoriali presso la struttura competente della Giunta regionale. Novità anche per quel che concerne il riconoscimento degli allevamenti ai fini commerciali. Nel dibattito sono intervenuti i consiglieri Gianluca Busilacchi (Misto-Mdp) e Sandro Bisonni (Misto) che hanno annunciato adesione e voto favorevole su emendamenti sottoscritti dal capogruppo M5S, Gianni Maggi, che recepiscono a loro volta delle precise indicazioni fatte pervenire da 35 associazioni animaliste. Proposte emendative poi respinte a maggioranza. Relazione di maggioranza da parte di Federico Talè (Pd) e di minoranza di Elena Leonardi (FdI).

Consiglio regionale Marche (L. B.)