Solidarietà del consiglio provinciale e dal vice presidente del Consiglio regionale delle Marche al sindaco Ricci dopo le minacce di morte su Fb

Il presidente della Provincia: “Non vogliamo lasciare soli gli amministratori”

Solidarietà al sindaco di Pesaro Matteo Ricci, fatto oggetto di minacce di morte su fb, è stata espressa dal consiglio provinciale riunitosi questa mattina. “Come sindaci e consiglieri – ha evidenziato il presidente della Provincia Daniele Tagliolini – vogliamo far sentire la nostra vicinanza ed il pieno sostegno al sindaco Ricci. Già con le svastiche alla scuola Anna Frank di Pesaro era stato compiuto un atto gravissimo, a cui il Comune di Pesaro aveva immediatamente replicato organizzando una mattinata di letture in Sinagoga con il coinvolgimento delle scuole e di varie figure istituzionali, momenti toccanti a cui anch’io ho partecipato. Ora, con questo nuovo grave episodio, si è veramente oltrepassato il limite, tanto da rendere necessaria per il sindaco una scorta. Vogliamo stigmatizzare queste minacce, che vengono amplificate attraverso i social. Al tempo stesso non vogliamo lasciare soli gli amministratori. Sempre più frequentemente, soprattutto sui social, i sindaci sono bersaglio di minacce più o meno velate, che non vanno sottovalutate ma segnalate alle forze dell’ordine”.

Ufficio stampa Provincia - Pu (G. R.)

Solidarietà anche da Renato Claudio Minardi – Vice Presidente del Consiglio regionale delle Marche

Desidero esprimere tutta la mia solidarietà e vicinanza al Sindaco di Pesaro Matteo Ricci per le minacce neo fasciste ricevute dopo la negazione dell’uso di una sala pubblica a Casa Pound, per la presentazione di una pubblicazione . Un fatto di assoluta gravità che va condannato e perseguiti i singoli responsabili. In momenti come questi credo sia indispensabile che tutte le istituzioni agiscano per contrastare con forza e determinazione ogni forma di violenza e recrudescenza neo fascista nello spirito e nei dettati della nostra Costituzione su cui si fonda la nostra Repubblica democratica e antifascista.

 

mcdonalds