Marchigiani all’estero, progetti con le associazioni per promuovere scambi imprenditoriali, culturali e turistici

“Rafforzare la collaborazione migliorando lo scambio di informazioni e promuovendo progetti imprenditoriali, culturali e turistici”.

E’ l’impegno preso dal presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo dopo aver incontrato i rappresentanti delle associazioni dei marchigiani all’estero. Ieri, nella sala consiliare della Camera di Commercio di Fermo, poco prima dell’evento dedicato alla Giornata delle Marche al Teatro dell’Aquila, Mastrovincenzo ha partecipato alla riunione del comitato esecutivo del Consiglio dei marchigiani. Franco Nicoletti (Lussemburgo), nominato presidente un anno fa, ha spiegato gli obiettivi futuri dell’organismo, tra questi la promozione di una piattaforma documentale per contribuire alla storia dell’emigrazione marchigiana e una nuova edizione dell’educational tour per i discendenti degli emigrati.

“Proseguite su questa strada, i vostri progetti sono condivisibili e molto interessanti” ha detto Mastrovincenzo che ha riconosciuto il ruolo di ambasciatori svolto dai marchigiani all’estero. Sono 63 le associazioni dei marchigiani all’estero iscritte all’Albo, attive in 12 Stati su 3 continenti (Europa, America, Oceania). Erano presenti Gino Bassetti (Associazione marchigiana Perth Western Australia inc.), Lorena Noé (Federazione delle associazioni di marchigiani in Belgio), Juan Pedro Brandi (Federazione della Repubblica Argentina associazione civile), Javier Pablo Lucca e Gustavo Luis Zanini (Federazione marchigiana del Centro litorale della Repubblica Argentina). All’incontro ha partecipato anche il presidente della Camera di Commercio di Fermo Graziano Di Battista.

Consiglio regionale Marche (L. V.)