Guardie ecologiche volontarie. Bisonni: “La Regione intervenga per la formazione e faccia chiarezza sulle competenze”

Sandro Bisonni

Tutelare il nostro territorio, diffondere la cultura del rispetto dell’ambiente, denunciare situazioni di degrado ambientale sono temi sempre più sentiti dai cittadini che desiderano vivere in un territorio sano, bello e pulito.” Non si tratta di uno slogan turistico ma di una attenta riflessione che il Consigliere regionale, Sandro Bisonni, Vice Presidente della Commissione Ambiente della Regione Marche, ha portato in Consiglio regionale presentando una interrogazione al Presidente Luca Ceriscioli nella quale si chiese esplicitamente di risolvere i problemi legati alla formazione delle Guardie ecologiche volontarie e alle loro competenze a livello territoriale.

Le Guardie ecologiche volontarie – afferma Bisonni – svolgono un importantissimo servizio alla comunità, dall’informazione e sensibilizzazione sulle tematiche ambientali agli interventi di vigilanza rispetto alle normative, dall’intervento diretto nelle opere di soccorso in caso di calamità naturali alla collaborazione con gli enti pubblici attraverso la segnalazione di infrazioni in materia ambientale.” Ecco perché Bisonni ha presentato l’interrogazione: per conoscere i motivi per i quali non sono stati più effettuati i corsi di formazione e aggiornamento previsti dalla normativa regionale che con la legge 29 del 1992 ha istituito e disciplinato la funzione del volontariato per la salvaguardia dell’ambiente e con il successivo regolamento ha avocato a se la individuazione della disciplina del servizio, l’organizzazione delle Guardie ecologiche e la loro formazione. Con il riordino delle funzioni amministrative delle Province – prosegue Bisonni – si è riscontrata, poi, una confusione sull’effettiva competenza territoriale in merito alle Guardie ecologiche volontarie. Sono problemi che vanno risolti perché la mancanza di formazione, di chiarezza e di riferimenti certi rischiano di vanificare l’importante azione che le Guardie svolgono a salvaguardia dell’ambiente e del benessere dei cittadini.”