Fano, in manette l’accoltellatore del marocchino. E’ un italiano di 21 anni: dietro una storia di droga

Pare che all’origine della lite di ieri sera a Fano culminata con l’accoltellamento di un marocchino, ci sarebbe un contenzioso per affari legati al mondo della droga. L’autore dell’aggressione è già dietro le sbarre grazie al certosino lavoro dei carabinieri. E’ stato arrestato durante la notte, si tratta di un giovane italiano residente a Fano di 21 anni, conoscente del 26enne marocchino. Il fatto è avvenuto al Pincio verso le ore 19. Per il nordafricano l’immediato ricovero al San Salvatore di Pesaro con intervento chirurgico immediato: per lui, dopo tre fendenti ricevuti, un polmone leso, tuttavia non dovrebbe correre pericolo di vita anche se resta in prognosi riservata. Per il giovane italiano la fine della corsa nella notte: dopo l’individuazione verso la mezzanotte, è arrivato l’arresto da parte dei carabinieri di Fano. Si trova al momento in carcere a Villa Fastiggi con l’accusa di tentato omicidio. Trovata anche l’arma: un coltello a scatto con una lama di circa 15 centimetri.