Cagli, la gestione della piscina fa discutere. Asd Centro Nuoto: “Ci è precluso l’utilizzo”

La piscina comunale oggetto della diatriba

Ci sopraggiunge la segnalazione dell’Asd Centro Nuoto Cagli circa l’impedimento dell’utilizzo della piscina comunale di Cagli, attualmente gestita dall’associazione idee sport e territorio. L’asd Centro Nuoto Cagli ha gestito la piscina comunale per 24 anni, con ottimi risultati per il nostro territorio, sfornando giovani campioni come Edoardo Giorgetti e Diego Peroli, i quali hanno ottenuto importanti risultati a livello nazionale. Ma ora, da 3 anni a questa parte, non può più usufruire della piscina comunale per allenarsi. “Ci è precluso l’utilizzo dell’impianto dagli attuali gestori della piscina, per una clausola ingiusta che prevede l’obbligatorietà d’iscrizione alla federazione italiana nuoto, che viene concessa solo se si ha la disponibilità di uno spazio acqua, che però ci viene negato. – afferma Francesco  De Nicolo, tecnico dell’asd Centro Nuoto Cagli – Siamo sempre stati iscritti alla Uisp ed inoltre abbiamo contestato che l’asd Rari Nantes Cagli, dopo neanche un anno dalla sua costituzione, ha partecipato alla gara d’appalto per l’aggiudicazione di uno spazio acqua nella piscina comunale e ha immediatamente operato nella stessa senza aver mai effettuato l’iscrizione alla Fin. Ora i nostri atleti più rappresentativi hanno abbandonato la piscina di Cagli e i nostri tecnici hanno continuato ad operare nelle piscine di Pesaro, Pergola ed Acqualagna. Colgo l’occasione per ringraziare i gestori di queste strutture e i relativi sindaci per l’accoglienza e faccio un appello al sindaco di Cagli Alberto Alessandri, con delega allo sport, affinché questa situazione possa risolversi”.