Il postino da dicembre suona solo a giorni alterni in 27 comuni della Provincia

Probabilmente il postino continuerà a bussare due volte ma forse lo farà solo tre volte alla settimana e in certi casi due. Il riferimento riguarda Poste Italiane e la consegna a giorni alterni. Nel «listone» ci sono 27 comuni della nostra provincia. L’elenco generale è pubblicato sul sito di Poste Italiane (Acqualagna, Apecchio, Belforte all’Isauro, Cagli, Cantiano, Fossombrone, Fratte Rosa, Frontino, Frontone, Isola del Piano, Lunano, Macerata Feltria, Mercatino Conca, Monte Cerignone, Monte Grimano Terme, Montecopiolo, Montefelcino, Pergola, Piandimeleto, Pietrarubbia, Piobbico, San Lorenzo in Campo, Sant’Ippolito, Sassocorvaro, Sassofeltrio, Serra Sant’Abbondio, Tavoleto). “Dal mese di dicembre – fanno sapere da Poste Italiane – prosegue l’implementazione graduale del modello di consegna degli invii postali a giorni lavorativi alterni, dal lunedì al venerdì, su base bisettimanale (lunedì, mercoledì e venerdì nella prima settimana – martedì e giovedì nella settimana successiva), già avviato, in altre località, a partire da ottobre 2015. Tale nuova modalità di recapito trova fondamento nell’attuale quadro regolatorio del settore postale e si inserisce nel processo di revisione del servizio postale universale, volto a rendere sostenibile la fornitura del servizio nel tempo in un contesto di mercato caratterizzato da un trend decrescente dei volumi postali e dal cambiamento delle esigenze e dei bisogni della clientela in termini utilizzo dei prodotti postali. Il nuovo modello – prosegue la nota – interesserà anche la raccolta degli invii postali dalle cassette d’impostazione site nello stesso Comune, che verrà effettuata con la medesima frequenza, mentre restano invariate le modalità di raccolta degli invii postali presso gli Uffici postali del Comune. Le modalità sopra descritte non avranno, comunque, impatti sugli obiettivi di consegna dei prodotti universali a eccezione della posta prioritaria. Per quest’ultima, gli obiettivi di velocità per l’interno varieranno da 1 (J+1) a 3 giorni lavorativi (J+3), oltre a quello di accettazione, a seconda della zona di raccolta/destinazione”.

I TIMORI – In chiave generale non mancano i timori. Da più parti si lancia il grido di allarme. La paura è  un drastico calo dei servizi e un aumento dei ritardi nelle consegne postali. E poi consegnare le lettere a giorni alterni non riesce a superare le tante perplessità di chi, ad esempio, pensa ai giorni festivi infrasettimanali, quelli segnati in rosso ma anche quelli che corrispondono alle festività patronali. Alcuni casi sono già di dominio pubblico. A Trieste, a mo’ d’esempio, si sono visti recapitare i biglietti di auguri di Natale solo a metà gennaio. Ma c’è un caso ben peggiore. In provincia di Pavia, un’anziana signora ha perso la pensione di invalidità perché la lettera con l’indicazione della data in cui si sarebbe svolta la visita è arrivata in ritardo.

Data da definire per i seguenti Comuni: Borgo Pace, Cartoceto, Colli al Metauro, Fermignano, Gradara, Mercatello sul Metauro, Mombaroccio, Mondavio, Monte Porzio, Montecalvo in Foglia, Monteciccardo, Montelabbate, Peglio, San Costanzo, Sant’Angelo in Vado, Tavullia, Terre Roveresche, Urbania, Vallefoglia.