Da Milano a Tavullia in treno a casa del suo idolo Valentino Rossi: tredicenne ritrovata dopo un giorno di ricerche

La storia ha un lieto fine, ma lo spavento per i genitori di un ragazzina di 13 anni è stato ai massimi livelli. Lei, baby milanese, voleva tornare in quella piazza di Tavullia dove anni fa aveva visto un gran premio della Moto Gp col papà tifando per il suo idolo Valentino Rossi. E così col treno, in verità ne ha cambiati due, è arrivata a notte fonda (la scorsa) a Tavullia. Qui non è sfuggita a una pattuglia del Nucleo radiomobile della compagnia carabinieri di Pesaro. Intanto nel Milanese cresceva la preoccupazione per la scomparsa della giovane che non era tornata da scuola. I genitori si erano così rivolti ai carabinieri. Immediate le ricerche, le prime senza esito. Intorno alle 3 della notte il lieto fine: il telefonino della ragazza veniva localizzato nel territorio di Tavullia. Ben presto i carabinieri, allertati dai colleghi milanesi, rintracciavano la giovane in via Cesare Battisti dove ci sono nelle pareti dei muri appese gigantografie di Valentino Rossi. La baby ai carabinieri raccontava la sua bravata ai militari memore di quell’esperienza da bimba. I genitori venivano immediatamente avvertiti e tiravano un sospiro di sollievo. Probabile una bella lavata di capo!