A Fermignano la mostra di Anarkikka e l’incontro con Settenote. Parte M’Ama non M’Ama

salus

Le attività per “M’ama non M’ama” – la campagna del Comune di Fermignano contro la violenza sulle donne – entrano nel vivo. Venerdì 20 ottobre, alle ore 21.00, presso la Sala Monteverdi l’associazione “Il Vascello” incontra Monica Martinelli, giovane editrice cagliese (Settenove edizioni). Si dibatterà su come prevenire la violenza liberando l’immaginario. Sabato 21 ottobre, ore 18, presso la Sala Bramante, verrà inaugurata la mostra “Non chiamatelo Raptus”, dell’illustratrice e vignettista de l’Espresso, Anarkikka. L’organizzazione di questo evento è a cura dell’associazione de.Sidera.  Racconta la dott.ssa Giacani, di de.Sidera: “Anarkikka presenta un progetto illustrato contro la violenza sulle donne e contro le discriminazioni sociali; da tempo impegnata in un percorso di denuncia sociale, ci è sembrata l’ artista giusta per dare voce a quello che de.Sidera voleva divulgare. Attraverso vignette di semplice fruizione ci sbatte in faccia una realtà dissacrante fatta di luoghi comuni che vanno destrutturati. E lei ci è riuscita magistralmente”. La mostra resterà aperta nei giorni di sabato e domenica, fino al 25 novembre. Il NO alla violenza sulle donne invece non chiuderà mai.