Unione montana Alto Metauro, sfiduciata la presidente Pierantoni

Il sindaco di Borgo Pace Romina Pierantoni

Il mandato sarebbe scaduto alla fine dell’anno. Ma i sindaci del Pd hanno deciso che il ruolo di presidente dell’Unione montana Alto Metauro a carico di Romina Pierantoni (anche sindaco di Borgo Pace) doveva essere stoppato. Ecco così che si è concretizzata la sfiducia maturata lunedì notte. E’ passata infatti la mozione dei sindaci Ciccolini, Tagliolini e Feduzi: alla votazione sono risultati favorevoli Peglio, Fermignano, Urbania e Mercatello sul Metauro (Sacchi), contrario Gambini (Urbino); Luzi (Sant’Angelo in Vado) non ha votato. Il presidente Pierantoni non ha espresso a rigor di logica il suo voto. Perché tutto questo a pochi mesi dalla chiusura del mandato? L’esigenza, secondo i sindaci del Pd, di un cambio di rotta nel governo dell’Unione montana. In altre parole – dicono – che non si è trattato di una questione politica, ma della gestione di un territorio. Non la pensa così la Pierantoni…