Cisl: “Marche Nord e Area Vasta, ancora troppe carenze. Il tempo dell’attesa è finito, senza risposte ci mobiliteremo”

salus

Cisl: “Dallo scorso 14 ottobre negli Ospedali di Comunità è ridotto il servizio dei medici dipendenti, che non saranno più presenti nei giorni prefestivi”

“Ci tiriamo fuori dal dibattito politico, emerso di recente anche nell’ultima Conferenza dei Sindaci, che sembra ricondurre tutti i problemi della sanità in questa provincia alla collocazione del nuovo ospedale unico e allo spostamento della sede amministrativa dell’Area Vasta da Fano a Urbino”. Per Alessandro Contadini e Maurizio Andreolini in rappresentanza della Cisl Fp Marche e della Cisl di Pesaro-Fano-Urbino, “non sono questi i reali problemi della sanità, contraddistinta sempre più dal taglio dei servizi e dall’aumento della mobilità passiva, all’interno di un contesto in cui la dotazione di posti letto per il territorio di Pesaro-Urbino è la più bassa tra le province marchigiane”.

MARCHE NORD – Nell’azienda ospedaliera Marche Nord “nonostante ci sta stato un aumento dell’attività e delle prestazioni chirurgiche programmate – premettono i due sindacalisti Cisl – l’integrazione tra gli ospedali di Pesaro, Fano e Muraglia è ancora sulla carta. I servizi e le prestazioni sono erogate solo grazie alla professionalità e al sacrificio del personale dipendente, che spesso non può godere d riposi e ferie per coprire i turni di lavoro. L’organizzazione e la differenziazione dei servizi tra i presidi di Pesaro e Fano è stata realizzata solo parzialmente. Emblematica è la situazione in cui versa il reparto di Medicina di Pesaro dove i posti letto sono prevalentemente utilizzati per ricoveri di pazienti non autosufficienti e non nei confronti di degenti che manifestano forme acute di malattia. Stiamo assistendo a continue assunzioni di personale medico senza prevedere però un aumento del personale infermieristico. La programmazione regionale non ha chiarito quale sia il ruolo dell’azienda ospedaliera all’interno di questa provincia, mentre appare chiaro il depauperamento giornaliero al quale assistiamo nell’Area Vasta e soprattutto nell’entroterra”.

URBINO – Contadini e Andreolini rilevano che “l’ospedale di Urbino ha una carenza organica di posti letto e non è in grado di assorbire le richieste di tutto l’entroterra con l’attuale impostazione. A questo proposito, il tanto sbandierato potenziamento di 26 posti letto in più attraverso geriatria e medicina d’urgenza è ancora sulla carta. Il pronto soccorso, nonostante la recente ristrutturazione, non è in grado di rispondere a tutti gli accessi dell’entroterra, anche a seguito degli ibridi creati al posto dei punto di primo intervento, per i quali ancora non è chiara la denominazione (Pat, Acap), ma soprattutto non sono chiare le prestazioni erogate, creando così confusione tra i cittadini e di conseguenza accessi impropri ai pronti soccorsi. Nell’ospedale di Urbino mancano anche i responsabili medici in grado di dare una linea sicura ai principali reparti del nosocomio e attrarre le necessarie professionalità”.

PERGOLA – L’ospedale di Pergola, organizzato come “presidio ospedaliero per acuti dalla programmazione aziendale regionale vive quotidianamente una continua spoliazione di servizi e prestazioni, tali da giustificare una riconversione nel breve periodo. Non solo non si sono attuate le delibere regionali che prevedono l’approccio multidisciplinare della chirurgia a ciclo breve, ma viene spogliata in continuazione anche dei servizi ambulatoriali, vedi Cardiologia ed Endoscopia. Pur avendo informato i vertici aziendali, ad oggi non abbiamo ricevuto risposte di alcun tipo”. L’unione, Urbino-Pergola, come presidio per acuti in considerazione dell’orografia, della pessima viabilità e della  distanza senza la necessaria funzione di filtro del nosocomio pergolese non può essere considerato funzionale per i cittadini dell’intera Valle del Cesano.

FOSSOMBRONE, CAGLI, SASSOCORVARO – Dal 1° gennaio 2017 gli ex ospedali di Fossombrone, Cagli e Sassocorvaro, sono di fatto ospedali di comunità, ovvero strutture territoriali che hanno perso ogni funzione ospedaliera. Premesso che ancora non è chiaro che cosa siano i posti letto di cure intermedie, la Cisl denuncia che in queste strutture non sono previsti neppure i servizi indicati dal Dgr 139 del 2016 che prevedono il potenziamento dell’attività ambulatoriale. Inoltre, non risulta da nessun atto ufficiale, ma si fa sempre più insistente la voce di una gestione privatistica dell’ospedale di Cagli, e di quello di Sassocorvaro, dove è stata sospesa da inizio anno l’attività di Endoscopia. Sembra che entro la fine dell’anno Villa Montefeltro potrebbe gestire oltre all’attività chirurgica anche i servizi di Endoscopia e Radiologia, senza conoscere le ricadute sulla qualità dei servizi e su come smaltire le liste d’attesa. Nell’ospedale di Fossombrone non sono ancora stati attivati i 20 posti letto di cure intermedie, gestiti in convenzione con i medici di Marche Nord, per problemi di ammodernamento della struttura”.

OSPEDALI DI COMUNITA’, STOP AI MEDICI DIPENDENTI NEI GIORNI PREFERIALI

“E’ arrivata una comunicazione dell’Area Vasta – riferiscono Contadini e Andreolini – con la quale siamo stati informati che a partire dallo scorso 14 ottobre, è ridotta negli ospedali di comunità la presenza del personale medico dipendente, che presterà servizio dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20, e quindi non più nei giorni prefestivi, quando resterà in servizio il personale medico di continuità assistenziale. L’attuale organizzazione del sistema emergenza-urgenza (Potes, 118), non è sufficiente a garantire il diritto alla salute. Il tempo dell’attesa è finito. La Cisl, insieme alle altre organizzazioni sindacali, si mobiliterà nelle prossime settimane per tutelare una sanità provinciale equa e che dia risposte adeguate ai cittadini”.

Nota stampa Cisl