Urbino, donati gli organi di una signora. Gesto di grande generosità

Era una signora di cuore, generosa. E i familiari consapevoli di fare un gesto che lei avrebbe sicuramente apprezzato e condiviso, hanno acconsentito alla donazione degli organi dopo la sua morte. Aveva 80 anni, di Urbino; era ricoverata in condizioni gravissime dallo scorso 8 ottobre al nosocomio ducale nel reparto di rianimazione. La causa una emorragia cerebrale senza vie d’uscita. Dopo la morte e l’ok dei familiari, due giorni fa è iniziato il prelievo: fegato e cornee grazie a un team del Centro Trapianti di Ancona. Il fegato è stato poi trapiantato a un giovane all’ospedale dorico. Le cornee, prelevate dall’oculista dell’ospedale di Urbino, sono state mandate alla Banca degli Occhi di Fabriano. Decidere di donare i propri organi e tessuti dopo la morte è un gesto di grande generosità. Così facendo si dona ad uno o più pazienti, in molti casi in fin di vita, la possibilità di guarire e riprendere una vita normale. E’ il quinto prelievo di organi dall’inizio dell’anno per Urbino.