Megas Net, il consiglio provinciale all’unanimità decide che in caso di fusione con Marche Multiservizi la Provincia non monetizzerà la sua nuova quota

E’ stato dato mandato al direttore generale di verificare anche la fattibilità giuridica e contabile della procedura di fusione per incorporazione

Il consiglio provinciale ha approvato questa mattina all’unanimità la delibera con la quale si dà mandato al direttore generale “di procedere ad una verifica della fattibilità giuridica e contabile della procedura di fusione per incorporazione della società Megas Net spa con la società Marche Multiservizi spa, redigendo apposita relazione tecnica, economica e giuridica da sottoporre all’esame del consiglio provinciale”. La verifica porterà o al mantenimento della società Megas Net spa senza alcuna azione di razionalizzazione o, in caso di esito positivo della verifica stessa, alla possibilità di fusione per incorporazione della società Megas Net Spa nella società Marche Multiservizi spa. Nel documento viene evidenziato “che le deliberazioni del consiglio provinciale in materia di cessione, acquisizione e/o fusione di partecipazioni societarie saranno espresse sulla base dei criteri e secondo le modalità fissate dagli articoli 5 e seguenti del decreto legislativo 175/2016”. Il consiglio provinciale ha stabilito inoltre nella delibera che “nell’ipotesi di fusione, è intenzione di questo ente di non procedere contestualmente alla monetizzazione, anche parziale, della sua nuova quota societaria e ciò al fine di garantire all’interno della società Marche Multiservizi spa una presenza rilevante dell’ente di area vasta ‘Casa dei Comuni’ che possa, anche tramite la riscrittura di patti parasociali, permettere di partecipare ai Comuni di piccola e media dimensione, tramite essa, alla definizione delle strategie societarie”.

Ufficio stampa Provincia - Pu (G. R.)