Il grande cuore di Cantiano: donazione dell’associazione “l’opera di Thalìa” alla Fondazione Salesi

salus

Da una coinvolgente serata estiva fatta di musica e risate a un grande gesto di solidarietà: il tutto porta la firma dell’associazione culturale “l’opera di Thalìa” (costituitasi di recente a Cantiano) che ha contributo al progetto Accoglienza promosso all’ospedale Salesi di Ancona dall’omonima Fondazione. Da uno spettacolo serale in pieno agosto che ha coinvolto un paese intero (tra protagonisti sulle scene e il pubblico in platea è lecito affermarlo) alla consegna di un assegno di 1000 euro alla Fondazione Salesi avvenuta ieri. Davvero un nobile percorso e un gesto che fa la differenza. Doveroso un cenno sulla Fondazione Salesi Onlus; si è costituita il 21 luglio 2004 ad Ancona dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti Umberto I° Lancisi Salesi, dal Comune e dalla Provincia di Ancona e dall’associazione per l’assistenza del bambino ospedalizzato, per mantenere e diffondere la più adeguata cultura assistenziale al bambino malato a tutti i livelli, istituzionali e sociali. L’ingresso in ospedale è spesso per i bambini un trauma in quanto caratterizzato da aspetti sconosciuti e quindi più carichi di paure. La Fondazione dell’ospedale Salesi si prefigge l’obiettivo di rendere l’accoglienza dei piccoli ricoverati il più possibile serena. Di rendere l’ambiente in cui vivono, un ambiente familiare in cui possono sentirsi a loro agio e continuare senza timori il loro percorso terapeutico. Di ritorno da Ancona, le significative parole dei rappresentanti nell’occasione l’associazione culturale “l’opera di Thalìa”: “Essere stati alla Fondazione Salesi per donare il nostro assegno, è stata una bella esperienza… bella forse non è la parola giusta, ma emozionante sì. Abbiamo visto pareti con protagonisti delle fiabe, cartoni animati che ti fissano dai muri di un ospedale che cerca di avere un’anima. Si perché, l’intento di tutti coloro che lavorano in quella struttura è quello di creare un ambiente il più possibile colorato, allegro che possa rendere il soggiorno dei piccoli un’esperienza serena e meno traumatica possibile. Abbiamo conosciuto persone che si vestono di un sorriso, la loro grande professionalità diventa un unico connubio con la loro infinità umanità. Non è facile… ma lo sguardo di un bambino spaventato con loro diventa uno sguardo di speranza…”. E allora ecco i protagonisti del progetto al quale i ragazzi di Cantiano rivolgono il loro commosso grazie… “Ad Annarita Settimi Duca, direttore operativo della Fondazione, al dottor Leonardo Incicchitti, dirigente medico ospedale materno infantile Salesi. Grazie a coloro che si prodigano ogni giorno, dottori, infermieri, assistenti, volontari, che con le loro cure, favole della buonanotte, musica terapia, dog Theraphy, compiono dei piccoli miracoli ogni giorno”. E a dicembre si prosegue: in cantiere un nuovo spettacolo con l’associazione “l’opera di Thalìa” pronta a regalare sorrisi e speranze. Con in testa sempre la Fondazione Salesi e i suoi bambini.