Foresto, altro cagliese entra nell’Everesting: scala il Catria 11 volte

salus

La caccia al record mondiale della faticosa ascesa paragonata alla montagna più alta del mondo, dopo la performance lungo i tornanti del Petrano del cagliese Zico Pieri, si è di nuovo ripetuta sempre con un altro cagliese mercoledì scorso scalando il Catria. Parliamo di Davide Foresto, un bancario cinquantenne ed ex calciatore della Cagliese che si è avvicinato qualche anno fa al cicloturismo riportando anche vari successi nelle gare di categoria. E’ stato anche campione marchigiano di ciclocross. La settimana scorsa ha voluto misurarsi con l’Everesting, ovvero il record di scalare salite fino a raggiungere gli 8,848m l’altezza esatta dell’Everest. Un ciclista, in una sola volta e sulla stessa strada dopo aver scelto il proprio percorso, deve percorrerlo, pause comprese, per 8,848 m di salita e rappresenta una  sfida sia fisica che mentale.

Richiede allenamento, determinazione, resistenza e perseveranza anche nelle difficoltà climatiche che potrebbero subentrare. Davide Foresto è partito in mattinata da Chiaserna di Cantiano e in 16 ore e 14 minuti come tempo di movimento nelle 11 scalate di ben 12 chilometri fino al Catria ha superato ben 9.796 di dislivello alla media oraria di 14,3.chilometri. E tornando alle difficoltà climatiche durante le ore notturne, ha dovuto affrontare violenti scrosci d’acqua. Temporali e freddo in quota gli hanno creato ulteriori difficoltà alla sua fatica. Raggiunto il record dell’Everesting di 8,848 metri ed anche superato e tutto ben documentato su STRAVA, dopo le 22 è ridisceso dal Catria a valle fino a Chiaserna con in testa l’inseparabile torcia e la soddisfazione di essere entrato nell’elenco ufficiale di coloro che in tutto il mondo si sono misurati nell’Everesting.