Con Spokane domani la firma del gemellaggio nel salone degli stemmi

salus
La foto del gemellaggio siglato in America

Un’importante visita è prevista in questi giorni nella nostra città da parte del sindaco di Spokane (Usa), con al seguito una delegazione di cittadini. L’incontro darà seguito alla visita dello scorso anno del sindaco Alberto Alessandri e del consigliere di maggioranza Marco Valeri, il quale ha curato tutta l’organizzazione. Il sindaco David Condon arriva a Cagli oggi e si ferma fino al 16. Il momento più importante sarà domani sabato 12 agosto alle ore 11, quando nel salone degli stemmi del comune i due sindaci andranno a sottoscrivere il documento di gemellaggio che sancirà questo legame tra le due città anche in territorio italiano, dopo averlo sancito lo scorso anno negli Usa. Verranno raccolte le testimonianze di alcuni ragazzi cagliesi che lo scorso anno e quest’anno sono stati a Spokane per una vacanza – studio, grazie ad un bando messo a disposizione dal comune di Cagli. Inoltre sarà presente anche il prof. John Caputo, professore della Gonzaga University, molto conosciuto in città. Nei giorni seguenti Condon visiterà le bellezze naturali e artistiche del nostro territorio, le aziende agricole presenti e, su propria richiesta, il locale comando dei vigili del fuoco. Avrà anche la fortuna di assistere alla manifestazione più importante dell’estate cagliese, il Palio dell’Oca. Nel frattempo, come avevamo anticipato, sono tornati dalla vacanza – studio di Spokane i 10 ragazzi individuati con il bando comunale: Alessia Basili, Valeria Marchionni, Micol Cappelli, Arianna Magi, Viola Chia, Jacopo Lazzarini, Gabriel Marchegiani, Davide Pieri, Tommaso Moroni e Sofia Tagliatesta. Sono stati accompagnati dalla prof. Silvia Moscioni, insegnante d’inglese presso l’Itc di Cagli. La loro permanenza è stata di 17 giorni. Hanno pernottato presso l’abitazione di famiglie accuratamente selezionate. In questo periodo hanno studiato la lingua inglese e visitato le città e i musei più importanti del territorio, con diverse attività all’aperto. Sono rimasti affascinati dall’accoglienza ricevuta, dalla città, dal paesaggio e dalle famiglie che li hanno ospitati. I ragazzi hanno anche realizzato un blog in inglese su questa loro esperienza trascorsa.