Riaperta la galleria sulla Flaminia, a Cantiano il traffico locale torna a respirare

Dopo oltre due mesi di disagi, questa mattina è tornata alla normalità la viabilità interna al paese fortemente condizionata dal passaggio forzato di tutti i mezzi a causa della chiusura della S.P. n. 3 Flaminia per lavori di ripristino della galleria “Cantiano 2” al Km. 223+600. Alla presenza del presidente della Provincia di Pesaro e Urbino, Daniele Tagliolini e del sindaco del Comune di Cantiano, Alessandro Piccini, è stato riattivato il regolare transito dei mezzi nel doppio senso di marcia lungo la strada statale Flaminia n. 3 (da poco ritornata in gestione ad Anas). I lavori di risanamento della galleria (iniziati il 29/05/2017), sono stati appaltati dalla Provincia di Pesaro e Urbino grazie a fondi regionali per gli eventi alluvionali novembre-dicembre 2013, per un importo complessivo di 335.000 euro. “Il risanamento del rivestimento interno della volta della galleria, con regimazione delle venute d’acqua che penetravano attraverso i giunti e attraverso la struttura oramai ammalorata – spiegano dall’amministrazione comunale di Cantiano – è stato effettuato tramite la messa in opera di apposite canalette in lamiera per permettere all’acqua di scendere fino alle cunette laterali a terra ed evitarne la presenza lungo la sede stradale. Negli ultimi anni infatti erano ben visibili zampilli che arrivavano al centro della carreggiata, con grande pericolo per la circolazione, in particolar modo nella stagione invernale con formazione delle candelore che occorreva rimuovere prima che cadessero sulla strada oltre al problema gelo che si andava a creare lungo la sede stradale umida in ingresso ed in uscita dalla galleria. La riapertura della strada, prevista inizialmente per il 17/08/2017, è invece avvenuta con qualche giorno di anticipo in quanto il completamento dei lavori, tra cui asfaltatura e segnaletica, sono stati posticipati tra fine agosto ed inizio settembre, per la durata di un paio di giorni, evitando così di interferire con il momento di maggior traffico turistico. Come amministrazione, sempre in maniera collaborativa e dialogante con le istituzione e gli enti coinvolti, abbiamo più volte fatto presente i disagi che il territorio ha dovuto sopportare – continuano dal Comune di Cantiano – causati prima da una deviazione con uscita obbligatoria e poi con la chiusura completa del transito e conseguente passaggio obbligato sulla strada comunale interna. Come da nostre puntuali e precise richieste, al completamento dei lavori, il RUP (Responsabile Unico di Procedimento) chiederà alla Regione la possibilità di utilizzare il ribasso d’asta per eseguire alcuni lavori di ripristino dei danni causati dall’intenso traffico che la strada comunale ha dovuto sopportare. Ringraziamo il presidente Tagliolini, i tecnici provinciali, la ditta esecutrice, per la costante disponibilità e gli interventi già realizzati (ad es. dissuasori di velocità), rimanendo convinti che da questa volontà di dialogo tra istituzioni, ben capendo le difficoltà del momento, possano nascere le condizioni per continuare a dare le giuste e doverose risposte ai territori”.